Il dato finale

Referendum, i coratini restano a casa. Pochi i votanti, quorum lontanissimo

Giuseppe Di Bisceglie
Giuseppe Di Bisceglie
Seggio elettorale
Uno dei seggi elettorali allestiti nella città di Corato
Dato inferiore alla media nazionale che, tuttavia, considera l'effetto trascinamento delle amministrative
9 commenti 1339

Che la percentuale dei votanti al Referendum abrogativo sarebbe stata bassa era stato ampiamente previsto ma che le dimensioni della diserzione fossero così ampie resta comunque sorprendente. A livello nazionale il quorum previsto affinché il referendum abrogativo abbia efficacia è lontanissimo dall’essere raggiunto e il dato di Corato non fa differenza non essendo trascinato, tra le altre cose, dal voto delle amministrative, come sta avvenendo in città a noi vicine come Terlizzi o Barletta, Molfetta, Bitonto e via dicendo.

Alle 23 sono soltanto 4880 gli elettori che hanno scelto di recarsi alle urne per esprimere il loro voto  pari al 12,7% degli aventi diritto.

È possibile seguire QUI l’andamento dello spoglio e i risultati, sezione per sezione, elaborati dall’ufficio elettorale del Comune di Corato.

lunedì 13 Giugno 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
9 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
G. R.
G. R.
14 giorni fa

La gente è stanca specie di spendere soldi per tornate elettorali quali appunto i referendum. Inoltre si abroga qualcosa e puntualmente una nuova legge chiama diversamene le cose e ciò che è stato abrogato lo ritroviamo sotto diverso nome; un esempio? Il finanziamento pubblico ai partiti. Il referendum lo abrogò e poi una nuova legge lo ha chiamato “rimborso elettorale” ed eccolo nuovamente rintrodotto!!!! Per me le firme da raccogliere dovrebbero essere molte di più e i referendum come i mondiali ogni 4 anni almeno. Ogni anno quasi si votano con costi elevatissimi e quorum quasi mai raggiunto.

carluccio
carluccio
14 giorni fa
Rispondi a  G. R.

quesiti balzani, speciosi, arzigogoli e comunque su materie così specialistiche e lontane dai bisogni, dalle dinamiche della gente per bene, quella che lavora, produce e manda i figli a scuola con profitto, per intenderci, che risultano incomprensibili, astrusi, irritanti addirittura. ma come si può pretendere attenzione e partecipazione? mi meraviglio dei “tipi sinistri”, che di solito affollano gli anditi dei seggi elettorali per istruire i votanti sino alla cabina e a volte anche oltre, come mai così assenti?

trackback

[…] a Corato relativo ai cinque quesiti del referendum popolare abrogativo per cui si è votato ieri. Decisamente bassa l’affluenza: fino a ieri alle 23 sono stati soltanto 4.880 gli elettori (pari al 12,7% degli aventi diritto) […]

Pecoroni
Pecoroni
14 giorni fa

Ennesima dimostrazione di come sono gli italiani. Bravi solo a lamentarsi che non cambia mai niente. Quando, poi, vengono chiamati a dare una “svolta” preferiscono non votare o votare come hanno sempre fatto.

Mest Catall
Mest Catall
14 giorni fa
Rispondi a  Pecoroni

Condivido PIENAMENTE il pensiero di “Pecoroni”… gli Italiani, sono SOLO buoni a lamentarsi, a criticare… e a delegare gli altri !!! Il voto, è l’ultima e l’unica speranza che ci è rimasta… ed invece… che tristezza infinita… che occasione persa !!

aldo
aldo
14 giorni fa
Rispondi a  Pecoroni

in effetti gli ultimi referendum, se opportunamente votati dalla maggioranza degli elettori, avrebbero impresso una significativa svolta alla vita di questa miseranda nazione …

Pier Luigi
Pier Luigi
13 giorni fa
Rispondi a  Pecoroni

Se per te la “svolta” significa abrogare il decreto Severino e limitare la custodia cautelare siam messi bene.

nerdrum
nerdrum
14 giorni fa

il referendum, magnifico istituto, puntualmente distrutto da quesiti improponibili. al popolo, in tutta la sua variegata fisionomia (compreso mio zio vincenzo 5a elementare serale), puoi chiedere repubblica o monarchia, divorzio si/no, aborto si/no, bat oppure ba, europa o nn europa, brexit si/no, etc. etc. se chiedi l’abrogazione o la conferma del comma 2° ex art. 122 del d. lgs. 123/2018 come modificato dal d.lgs. 145/2021 (per modo di dire) che ti aspetti? stamattina alla radio è un bla, bla, bla insopportabile da parte dei politici. la borsa che perde ancora e lo spread a 250.

Pier Luigi
Pier Luigi
13 giorni fa

Il giusto epilogo per un referendum che non interessava minimamente la stragrande maggioranza degli italiani, interessati invece ai temi dell’eutanasia e della cannabis legale.