Attualità

Dopo tre anni riecco Cantine Aperte. Liantonio: «Importante valorizzazione del territorio»

Francesco De Marinis
Francesco De Marinis
close
Dopo tre anni riecco Cantine Aperte. Liantonio: «Importante valorizzazione del territorio»
Tra degustazioni, visite alla produzione e corsi da sommelier, sin dall'apertura in tanti hanno varcato i cancelli e partecipato alle iniziative
1 commento 1584

Era il maggio del 2019 quando è andata in scena l'ultima edizione di Cantine Aperte, evento nazionale organizzato dal Movimento Turismo Vino. Dopo due edizioni annullate a causa della pandemia, ieri più di 600 cantine di tutta Italia hanno potuto festeggiare la grande giornata dedicata al prodotto vitivinicolo per eccellenza. Festeggiamenti doppi, considerando che questa è stata la trentesima edizione.

Cantine Aperte mancava a molti. «Ci veniamo da anni – dicono tre avventori – e non vedevamo l'ora di tornarci». Le due aziende che hanno aderito a Corato sono state Torrevento e Santa Lucia. Tra degustazioni, visite alla produzione e corsi da sommelier, sin dall'apertura in tanti hanno varcato i cancelli e partecipato alle iniziative.

«Un'iniziativa che serve a far comprendere al consumatore cosa c'è dietro un'azienda vitivinicola: tanto amore, tanta passione e tanti sacrifici. – commenta Francesco Liantonio, amministratore delegato delle Cantine Torrevento – C'è bisogno di evadere, di ottimismo, di un momento di relax. Cantine Aperte è il momento per dedicarsi completamente ad assaporare i gusti e i valori della nostra terra».

lunedì 30 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 18:02)

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
saponetta
saponetta
28 giorni fa

appunto, bravo, valorizzazione del territorio. una terra dalle potenzialità immense, sotto tanti punti di vista, ancora pulita, vergine, ma di fatto abbandonata dalle istituzioni, dalla legalità e da chi dovrebbe tutelarla. quindi ben vengano queste iniziative, ben venga l'uso del castello come location, ben vengano gli occhi del mondo su questi luoghi. chissà che non si riesca a strapparli al degrado e alla criminalità.