Lettera aperta

La guerra in Ucraina affossa le imprese. ​Ciadella (Confimi): «C’è inquietudine, si eviti il peggio»

La Redazione
Lettera aperta del coratino Alfonso Cialdella - presidente del cda di Steel Tech srl (azienda specializzata nella realizzazione di manufatti in acciaio inox ad uso industriale) e di Confimi Industria Meccanica Bari
2 commenti 1154

Il primo allarme era stato lanciato già oltre due mesi fa, quando il mercato del settore metalmeccanico iniziò a risentire dalle conseguenze del conflitto in Ucraina, a causa della difficoltà nel reperire materie prime e nell'avere basi di prezzo stabili. Oggi il coratino Alfonso Cialdella – presidente del cda di Steel Tech srl (azienda specializzata nella realizzazione di manufatti in acciaio inox ad uso industriale) e di Confimi Industria Meccanica Bari (confederazione dell’industria manifatturiera italiana e dell’impresa privata) – rincara la dose.

«Purtroppo e con molto rammarico, devo prendere atto che in questi 82 giorni, non solo non si è riusciti ad individuare una via d’uscita, ma addirittura assistiamo ad un progressivo generale peggioramento dei rapporti tra stati confinanti e tra Occidente e Russia, tali da compromettere seriamente il futuro socio-economico e finanziario dell’intero sistema mondiale» scrive Cialdella in una lettera aperta. «I mass-media e i social quotidianamente mostrano i dati economici e confrontano indici e percentuali ante e post pandemia che riflettono una situazione a fine marzo 2022 già compromessa, ma nulla purtroppo rispetto al peggioramento che viviamo oggi. In questi giorni la maggior parte delle PMI manifatturiere sta lavorando ancora in maniera ordinaria, grazie ancora all’effetto trascinamento del 2021, per soddisfare gli ordinativi acquisiti ad inizio dell’anno, ma terminate queste fasi lavorative, all’orizzonte non si intravedono miglioramenti».

I problemi maggiori riguardano la difficoltà nelle vendite, l'aumento dei prezzi e le richieste di posticipare le consegne.

«Già da tempo – spiega l'imprenditore coratino – i nostri fornitori (nel nostro caso prevalentemente di acciaio inox) ci riferiscono il loro disorientamento: non riescono a concludere vendite mentre ricevono comunicazioni per posticipare le consegne già previste e continuano a comunicare ai loro acquirenti ulteriori incrementi di prezzo di vendita; la direzione commerciale della nostra azienda riceve numerose richieste di preventivi senza una data orientativa di definizione contrattuale in quanto tutto è subordinato alle aspettative della conclusione del conflitto bellico a cui si aggiungono richieste costanti da parte dei nostri clienti di posticipare le consegne dei manufatti già in fase di produzione. Tutto questo insieme al caro energia, rallenta inevitabilmente la produzione, la crescita dell’industria, la fiducia negli investimenti e nella spesa».

Uno stato di cose che inizia ad agitare lo spettro delle ripercussioni sui lavoratori.

«A nostro parere – prosegue Cialdella – questa situazione è ormai diventata insostenibile e i disagi sociali derivanti da attivazioni di misure restrittive aziendali come Cassa Integrazione, licenziamenti e chiusure di unità produttive diventano sempre più delle possibilità concrete. Questo mio appello non vuole essere un’invocazione a contributi, assistenza, sconti e moratorie, ma unicamente ha l’obiettivo di reclamare il diritto ad esercitare il proprio lavoro imprenditoriale in una situazione di mercato normale che abbia un’aspettativa positiva di business, di scambi commerciali liberi e non ostacolati da paure e venti di guerra. Mi unisco all’appello rivolto in questi giorni dal nostro Presidente Confederale Paolo Agnelli e a tutti gli imprenditori che vivono ogni giorno le proprie aziende nel sollecitare tutte le forze politiche, economiche e finanziarie italiane, europee ed extra europee affinché ascoltino la grande inquietudine di chi lavora, produce e sviluppa benessere, e continuino ad attivarsi con sempre più fermezza e nel più breve tempo possibile a fare di tutto per scongiurare situazioni ancora peggiori ed irreversibili».

giovedì 19 Maggio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ss
Ss
1 mese fa

Tenete a mente:Le guerre fanno sempre comodo a qualcuno.Stanno morendo tanti innocenti e nessuno fa’nulla.lFiguriamoci se devono aiutare le imprese.Tutto calcolato.Poveri noi⚠️

Victor
Victor
1 mese fa

Ringraziate il presidente degli Stati uniti Il grande statista Joe Biden…