Politica

Ok agli espropri di aree di interesse pubblico: gli accessi alla scuola Imbriani ora sono del Comune

La Redazione
Resta da risolvere il problema del giardino che ricade in area non pubblica
2 commenti 1092

L'amministrazione De Benedittis ha portato nel consiglio comunale dello scorso 6 aprile alcune annose questioni che per molto tempo hanno reso problematica la vita della città. All'ordine del giorno, infatti, c'erano tre punti riguardanti l'acquisizione sanante al demanio indisponibile del Comune. È stato approvato all'unanimità l'utilizzo delle urbanizzazioni per scopi di interesse pubblico ed è stato espresso parere favorevole all'acquisizione del patrimonio comunale delle aree individuate nella relazione del dirigente ai lavori pubblici, Gianrodolfo di Bari secondo la relazione di stima, sottoscritta dal responsabile del servizio patrimonio e dal medesimo dirigente.

Di particolare importanza, la soluzione del problema degli accessi alla scuola media "M.R. Imbriani " che, com'è noto, sorgevano su area privata mai espropriata. Adesso, c'è da risolvere il problema del giardino della stessa scuola, anch'esso ricadente in area non pubblica. Situazioni simili sono state risolte, nella stessa seduta di consiglio comunale, per via Bracco/via Lago Baione, via Della Disfida.

«È un impegno che ho preso con gli elettori e le elettrici, quello di risolvere i problemi cronici della nostra città» dichiara il sindaco, Corrado De Benedittis – Adesso, dobbiamo affrontare la questione delle strade private a uso pubblico, causa di disagio e disservizio per chi risiede, nei tanti quartieri interessati da tale problema. Chiedo alla cittadinanza pazienza, fiducia e vicinanza. Siamo al Governo della città da poco più di un anno, i problemi da risolvere sono molti e siamo determinati ad affrontarli per rinnovare insieme il volto della nostra amata Corato».

giovedì 14 Aprile 2022

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Luigi Acella
Luigi Acella
2 mesi fa

Ennesimo “tesoretto” lasciato dalle precedenti amministrazioni !

franco
franco
2 mesi fa

si faccia presto e bene altrimenti ci saranno conseguenze che non oso neanche immaginare della parte retriva ad ogni cambiamento anche se fatto per il bene pubblico.-