Attualità

Come abbassare il prezzo della bolletta elettrica con la tecnologia LED

La Redazione
Ridurre gli sprechi in casa giova al portafogli e all'ambiente. Per abbassare il prezzo della bolletta della luce, basta solo adottare delle buone abitudini che consentono di contenere i consumi
scrivi un commento 116

Il 2022 ha segnato un rincaro nelle bollette di luce e gas con percentuali forse mai viste prima. Solo nei primi tre mesi appena conclusi – e rispetto al primo trimestre del 2021 – l’aumento registrato ammonta al 131% sulle utenze domestiche della luce e al 94% per il gas. Il motivo di un’impennata tale lo si deve alla crescita dei prezzi all’ingrosso dell’energia che, di conseguenza, grava sulle bollette dei consumatori. In più, il conflitto fra Russia e Ucraina ancora in corso ha causato la scarsità del gas, di cui la Russia è il maggior distributore in Europa: se la materia prima diminuisce, il costo aumenta.

Alla luce di tutto questo, e poiché al buio non si può stare, l’unica soluzione per ridurre i costi in bolletta è quella di attuare pratiche di risparmio, a cui magari non si è mai prestata particolare attenzione.

Risparmiare luce in casa: soluzioni e buone abitudini

Ridurre gli sprechi in casa non giova solo al portafogli, ma contribuisce anche a rispettare l’ambiente. Per abbassare il prezzo della bolletta della luce, a volte basta solo adottare delle buone abitudini che consentono di contenere i consumi.

Le nuove tecnologie nel campo dell’illuminazione domestica sono alleate dell’ambiente e del consumatore, grazie alle soluzioni innovative e sostenibili create per risparmiare e non danneggiare l’ecosistema.
È possibile, dunque, creare un sistema di illuminazione casalinga che riduca in maniera significativa i consumi, senza incidere negativamente sulla fondamentale efficienza energetica.

Un esempio è dato dal light design, ossia la cura di disporre in maniera armonica e funzionale le luci in ogni stanza della propria casa. Se in passato si installava un unico grande lampadario al centro della stanza, oggi in commercio sono disponibili varie soluzioni per illuminare le stanze in maniera ottimale.

In base alla stanza e all’utilizzo che se ne fa, può essere più opportuna l’installazione di un tipo di illuminazione piuttosto che di un’altra. Sono molto utilizzate le plafoniere a muro e le lampade da tavolo, dal consumo ridotto ma dalla grande efficienza. Un modo per ridurre la dispersione di energia magari in angoli della stanza in cui non ne serve molta e, viceversa, concentrare la luce in zone più utilizzate, in cui si studia, si legge, si lavora.

Per una buona gestione dell’illuminazione in casa, però, è fondamentale che tutte le lampadine siano a basso consumo. È ciò su cui si basa la tecnologia LED di ultima generazione, una soluzione più cara rispetto alle tradizionali lampadine ma che garantisce molta più efficienza, durata e risparmio energetico.

Non si può sperare di abbassare il prezzo della bolletta della luce se prima non si provvede a cambiare tutte le lampadine di casa con quelle a LED. Su portali come https://www.luceled.com/ sono disponibili moltissimi modelli di illuminazione adatti a qualsiasi uso.

Fra quelli maggiormente acquistati vi sono i faretti LED e le strisce LED.

·         faretti led: adatti per valorizzare spazi in cucina o in soggiorno, ma anche molto utilizzati nelle camere da letto;

·         strisce led: si tratta di lunghe strisce o nastri composte da piccoli chip led, disponibili in varie lunghezze, spessore e potenza. Molto adatte nei corridoi, per segnalare i gradini delle scale, dentro agli armadi.

Indipendentemente dal tipo di illuminazione preferita, non va sottovalutato l’utilizzo del timer a spegnimento automatico nelle stanze meno frequentate, nelle zone di passaggio, nei corridoi, in garage, e del dimmer per regolare l’intensità dell’illuminazione in ogni stanza.

Se la casa è in fase di costruzione, poi, bisogna assicurarsi anche che gli interruttori vengano posizionati in punti comodi da raggiungere. Spesso capita di non spegnere la luce perché scoccia alzarsi e si accumula spreco, dunque metterli vicino a letti e divani.

Un ultimo consiglio: le lampadine vanno pulite perché la polvere che si posiziona sopra riduce fino al 10% la loro capacità di illuminazione.

Bolletta della luce troppo alta? Cause ed errori da evitare

Il primo passo è ridurre gli sprechi, e in casa se ne fanno moltissimi senza nemmeno accorgersene.
Uno dei principali errori che in moltissimi fanno è quello di tenere accese le luci quando non servono. Se in una stanza non c’è nessuno, spegnere le luci inutili può sembrare una fesseria, ma questa accortezza riduce del 30% i costi totali.

Un altro motivo per cui la bolletta arriva alta è il conguaglio. Tutti i fornitori di energia elettrica effettuano periodicamente il calcolo dei consumi stimati: in quanto tali, vengono sommano dei consumi non reali – basati sulla precedente bolletta o sullo stesso periodo di riferimento ma dello scorso anno – che potrebbero costare molto più di quanto effettivamente consumato.
Per evitare questo errore, si consiglia di fare l’autolettura dell’energia una volta ogni due mesi e comunicarla al gestore: in questo modo si pagheranno solo i consumi effettivi.

Inoltre, se la bolletta è troppo cara, la colpa potrebbe essere attribuita ad un’offerta non adeguata, quella con tariffa mono oraria. Bisogna scegliere sempre una tariffa bioraria, che ha dei costi differenti in base all’orario di utilizzo e suddivisa in tre fasce, cioè F1, F2 ed F3 (quest’ultima è la più economica).

Particolare attenzione va rivolta anche quando si acquista un elettrodomestico, grande o piccolo che sia: è importante scegliere solo quelli di classe A e quelli che consumano meno watt (nella descrizione del prodotto è sempre riportato). Va controllato anche che non vi siano dispersioni energetiche nelle prese di corrente degli elettrodomestici.

Attenzione anche all’uso che se ne fa: azionare la lavatrice o la lavastoviglie a pieno carico e con temperature non troppo elevate, oppure evitare di accendere la piastra per capelli 20 minuti prima di usarla se ne bastano pochi per portarla a temperatura, sono utilizzi intelligenti.

Altri errori troppo spesso considerati di poco conto sono quelli di tenere aperto il frigorifero più del necessario, magari mentre si pianifica il menu della cena, oppure di aprirlo troppo spesso: ottimizzare l’apertura e prendere tutto l’occorrente in una sola volta è una buona abitudine da prendere. Oppure ancora, è necessario evitare di lasciare gli elettrodomestici in modalità stand by durante la notte o quando non vengono utilizzati per molte ore.

giovedì 31 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti