Attualità

Nuova sede per cinque aule del Fornelli: da lunedì via alle lezioni in via Gravina

La Redazione
Per il circolo didattico si chiude la questione relativa alla mancanza di aule emersa all'inizio di questo anno scolastico
2 commenti 2635

Per il circolo didattico Fornelli si chiude la questione relativa alla mancanza di aule emersa all'inizio di questo anno scolastico. Da lunedì 21 marzo, infatti, le sezioni del Fornelli sinora ubicate nel plesso Giovanni XXIII, si trasferiranno nella nuova sede di via Gravina 73, per la quale l'amministrazione comunale, d'intesa con il settore Istruzione diretto dal dirigente Giuseppe Sciscioli, ha concluso i procedimenti necessari. Martedì 22 alle  8 ci sarà anche un piccolo momento di inaugurazione.

«Si tratta di un impegno con scuola, famiglie, bambine e bambini che l'amministrazione ha assunto e mantenuto» si legge in una nlta diffusa da Palazzo di città. «Curato ogni particolare per la realizzazione delle suddette aule: dall'acquisto di arredi nuovi, alla scelta dei colori delle pareti, individuati secondo i principi della cromopsicologia, nel pieno rispetto delle normative vigenti».

«Stiamo facendo un duro lavoro di riordino e riqualificazione di tutto il settore scuola. Nel caso specifico, abbiamo inteso attrezzare un vero e proprio plesso scolastico e non semplicemente delle aule di fortuna in un qualsiasi garage» commenta il sindaco, Corrado De Benedittis. «Tutta l'utenza scolastica ha diritto a frequentare edifici di qualità, ben strutturati e attrezzati e anche curati nel loro aspetto estetico. C'è tanto lavoro da fare, visto lo stato di degrado in cui versa molta parte dell'edilizia scolastica cittadina. Servono tempo, progettazione, risorse e buone pratiche. Ed è proprio questa la strada che stiamo percorrendo con tenacia e visione».

«Lo abbiamo detto sin dal nostro insediamento: per ridare slancio e valore alla scuola locale occorre restituire dignità innanzitutto adeguando le strutture scolastiche» sottolinea l'assessore alle politiche educative, Beniamino Marcone. «Mantenendo fede agli impegni assunti con la comunità scolastica , poniamo in essere una soluzione strutturale importante. Dotiamo il circolo didattico Fornelli di una soluzione logistica dignitosa, moderna e confortevole. Le nuove aule scolastice sono il frutto di un lavoro intenso e deciso che ha visto impegnati diversi comparti del nostro Comune. Per questo ringrazio in prima battuta il collega assessore con delaga alll’edilizia scolastica, arch.Sinisi, con il quale  lo scorso agosto 2021 abbiamo intrapreso questo percorso.

Attraverso lui ringrazio gli uffici tecnici preposti, con cu si è avviata la procedura di partecipazione e aggiudicazione del bando ministeriale, con successiva emanazione dell’avviso pubblico per la ricerca degli spazi conformi. Esprimo grande soddisfazione e pieno ringraziamento verso il Settore Istruzione, egregiamente coordinato dal dirigente avv. Sciscioli.  A  loro va la mia incondizionata stima. La volontà politica è necessario che si traduca in azione e atti concreti che solo una struttura efficiente, coesa e disponibile può garantire. È un’azione importante che restituisce equilibrio e ordine oltre che doveroso valore anche alla comunità scolastica del plesso Giovanni XXIII».

Sono in via di ultimazione, inoltre, gli ultimi dettagli per la imminente consegna del nuovo plesso per la scuola dell'infanzia dell'istituto comprensivo Cifarelli-Santarella, ubicati in via Santa Lucia.

giovedì 17 Marzo 2022

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Michele Strippoli
Michele Strippoli
3 mesi fa

E' finito l'anno scolastico …

Francesco Labietola
Francesco Labietola
3 mesi fa

Un mio nipotino che abita in Via Mangione fu iscritto al Fornelli perché vicino alla sua abitazione, poi venne fuori che ci si doveva trasferire al Giovanni XXIII, ora vicino al campo sportivo in via Gravina. Ma sapete che non tutti hanno la possibilità di avere una macchina a disposizione? Sono ben cinque chilometri a piedi per accompagnare e riprendere i propri pargoletti, e non sempre è bel tempo.