Attualità

Chiusura alle auto del centro di raccolta rifiuti, arriva il dietrofront

La Redazione
Il sindaco De Benedittis ha chiamato la Sanb chiedendo di annullare con effetto immediato il provvedimento. Richiesta accordata dalla società di gestione dei rifiuti
11 commenti 3087

La scelta di Sanb di impedire ai veicoli di entrare nel centro di raccolta rifiuti di via Castel del Monte ha sin da subito riscontrato il malcontento dei cittadini e la perplessità di alcune forze politiche. Direzione Corato e Città Nuova hanno chiesto chiarimenti e la revoca del provvedimento. In serata è poi arrivata la risposta dell'amministrazione comunale. «Il sindaco De Benedittis – fanno sapere dal Comune – ha chiamato la Sanb chiedendo di annullare con effetto immediato il provvedimento di interdizione dell'accesso delle auto all'isola ecologica di via Castel del Monte. Richiesta immediatamente accordata dalla società di gestione dei rifiuti».  «C'è un grosso problema di polveri che il transito delle auto fa sollevare entrando nell'isola ecologica» ha detto il sindaco. «Ho più volte sollecitato l'ufficio tecnico ad attivarsi per risolvere tale criticità. Provvederò, in settimana, ad approvare con la giunta una delibera di indirizzo che disponga l'immediata attivazione dell'ufficio per risolvere in modo definitivo e strutturale il problema. Chiudere alle automobili non risolve il problema ma ne crea uno doppio».

A stretto giro, la direzione tecnica della Sanb ha confermato la riapertura. «Nei giorni scorsi era stata preannunciata la chiusura del parcheggio del Centro di Raccolta di via Castel del Monte con la conseguenza del divieto di accesso con le auto. Si era anche provveduto a garantire l’accesso pedonale con la predisposizione di carrelli per i conferimenti. Come noto il parcheggio è realizzato in materiale incoerente con la conseguenza del sollevamento di polveri e formazione di buche, pur in costanza di interventi di manutenzione. Nella giornata di oggi sono stati eseguiti rilievi e sopralluoghi finalizzati alla predisposizione del progetto per la pavimentazione dell’area. A seguito delle esigenze rappresentate dai cittadini e dall’amministrazione comunale, si provvede alla immediata riapertura del parcheggio in attesa delle definitive determinazioni relative ai lavori ad eseguirsi».

mercoledì 19 Gennaio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
11 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
gl
gl
5 mesi fa

stanno in mezzo alla monnezza e hanno paura della polvere. mah

fc
fc
5 mesi fa

Sindaco gli uffici e i rispettivi funzionari sono dormienti, la mancanza di personale non regge a motivare questo eterno immobilizzo. La situazione non può continuare all'infinito. Cacciate via questi della SANB il cui pessimo servizio di raccolta è sotto gli occhi di tutti, le strade sono pieni di rifiuti, la raccolta è disastrosa, i viali di campagna sono sempre più paragonabili alla terra dei fuochi. Mi chiedo se il Sindaco, i fantastici assessori e tutti i rappresentanti nel consiglio comunali si sono mai recati nei centri di raccolta? La ASL si è mai resa conto che sono delle discariche a cielo aperto? Perchè nessuno interviene?

G. R.
G. R.
5 mesi fa

Sindaco quello spiazzo VA ASFALTATO così come quel pezzo di strada antistante l’isola ecologica. Anche se di privati quel pezzo di strada va fatto obbligo ai proprietari della messa in sicurezza !!!!!

Rosanna Prisco
Rosanna Prisco
5 mesi fa

Pensassero a pulire le strade visto che paghiamo profumatamente

Maria
Maria
5 mesi fa

A me è apparso da subito un provvedimento non risolutivo. Grazie sindaco.

Ss
Ss
5 mesi fa

Ben fatto sindaco! La decisione della sanb era davvero senza senso

nerdrum
nerdrum
5 mesi fa

direttive, direttive, direttive… ed ancora direttive. l'uomo delle direttive colpisce ancora. mi chiedo se poi c'è qualcuno che le attua queste direttive. mi pare che illo tempore ebbe a dire che la catena del comando nn funziona. ma da dove nn funziona la catena? dalla testa, dal mezzo o dalla coda?

Luigi Murgiano
Luigi Murgiano
5 mesi fa

Io credo che il problema delle polveri interessi anche e soprattutto il vicinato. comunque ha fatto bene il sindaco ad annullare il provvedimento attuato dalla SANB e a sollecitare l'intervento dell'ufficio tecnico per risolvere il problema

io
io
5 mesi fa

si potrebbe fare il contrario ovvero sistemare i compattatori sullo sterrato e far entrare e parcheggiare le auto sulla parte asfaltata dove attualmente sono posizionati i compattatori.
se il problema sono le polveri……

Anonimo
Anonimo
5 mesi fa

Bravi a chi lo ha votato il sindaco…. Ora che vi serva da lezione la prossima volta che andate a votare riflettete prima

saponetta
saponetta
5 mesi fa

ma, chiedo scusa, un altro posto più adatto, più vicino alla città e soprattutto meno disastrato proprio non ce n'è a Corato? un piazzale ben asfaltato, o con cemento industriale, raggiungibile con strada asflatata, in tutta corato proprio non ce n'è? incredibile … e poi il proprietario del lougo non sarebbe tenuto per legge a mettere il sito in sicurezza? ciò vuol dire almeno chiudere le voragini, sistemare i camminamenti pedonali e loo scolo delle acque meteoriche? se non adempie, si cambi ..