Il report Asl

Covid, a Corato il terzo peggior tasso d’incidenza della provincia

La Redazione
Il tasso è di 71.5 casi su 100mila abitanti. Il dato è di molto superiore sia a quello attuale dell'Area Metropolitana, sia a quello cittadino dei sette giorni precedenti in città, quando il valore era di 40
1 commento 2392

Il monitoraggio settimanale registra livelli stabili in tutta l’Area Metropolitana di Bari. Nel periodo tra il 29 novembre e il 5 dicembre, il tasso d’incidenza è pari a 28.3 per 100mila abitanti. Si sottolinea la presenza di 25 Comuni, sui 41 totali, con un numero di casi compreso tra zero e cinque. Continua l’attività di contenimento del virus Sars Cov 2, garantita dall’intervento tempestivo delle strutture di tracciamento della Asl Bari. A Corato sono 34 i nuovi contagi nella settimana dal 29 novembre al 5 dicembre, con un tasso di 71.5 casi su 100mila abitanti. Il dato è di molto superiore sia a quello attuale dell'Area Metropolitana, sia a quello cittadino dei sette giorni precedenti in città, quando il valore era di 40.

La campagna vaccinale è entrata ormai in una fase di accelerazione, necessaria per rispondere all’esigenza di effettuare i richiami a beneficio della popolazione over 18. Si è passati, infatti, dalle circa 22mila somministrazioni settimanali d’inizio novembre alle oltre 70mila degli ultimi sette giorni. Nel complesso si è raggiunta quota 2 milioni e 208.243 dosi somministrate, di cui 207.454 terze dosi. La copertura della popolazione vaccinabile over 12, con almeno una dose, cresce questa settimana sino al 92%. Un segnale confortante, in particolare, arriva dall’aumento di un punto percentuale per le prime dosi erogate in tutte le fasce d’età under 60: i 12-19 anni salgono al 90% di vaccinati almeno con una dose, così come i target 20-29 (85%), 30-39 (85%), 40-49 (89%) e 50-59 (95%). Straordinaria la “protezione” raggiunta nella classe 70-79 anni, dove praticamente il 100 per cento dei residenti ha completato la schedula vaccinale primaria.

La crescita, inoltre, è sostenuta soprattutto per i richiami, dove la copertura – calcolata rispetto ai residenti over 18 che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 5 mesi – è passata in una settimana dal 32,6% al 41,8%, con una percentuale che sale sino al 64% tra gli over 80. Il punto massimo viene toccato nella città di Bari con il 47% di copertura tra gli over 18 e il 67,8% di ultraottantenni vaccinati con dose “booster”. Notevoli i risultati nei territori, dove hanno centrato e superato l’obiettivo del 90% di residenti over 12 vaccinati con almeno la prima dose 35 comuni su 41, con Bitonto al 94% e Bari al 93%, e in 27 hanno raggiunto lo stesso traguardo anche per il ciclo completo.

A Corato, per quanto riguarda le vaccinazioni, su una popolazione vaccinabile di 42.403 persone (ovvero dai 12 anni in su) il 90% ha ricevuto la prima dose, mentre l'88% ha ricevuto entrambe le dosi.

Il grafico dell'andamento del Covid a Corato dall'inizio della pandemia (marzo 2020). In base ai dati forniti da Asl Bari, Prefettura di Bari e Comune di Corato, sono indicati i positivi per data, il totale dei decessi, il totale dei positivi e il totale dei guariti.

venerdì 10 Dicembre 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Strano
Strano
6 mesi fa

E come è possibile una cosa del genere!!????
Con un tasso di vaccinazione oltre il 90% nella nostra città, come fanno ad esserci tutti questi casi!!!???
Strano…….