Attualità

Mercato azionario: ecco le strategie più gettonate per investire in borsa

La Redazione
Dopo la breve pausa di riflessione presa dal mercato azionario nella parte finale del terzo trimestre, gli indici azionari innescano un nuovo rally rialzista, riaccendendo l'interesse verso gli asset di rischio
scrivi un commento 88

Dopo la breve pausa di riflessione presa dal mercato azionario nella parte finale del terzo trimestre, la situazione sembra essere rientrata nei binari della tendenza che ha caratterizzato tutto l'anno in corso. Gli indici azionari, infatti, si sono lasciati velocemente alle spalle i livelli testati durante la recente correzione, innescando un nuovo rally rialzista, che in molti casi è coinciso con la formazione di nuovi massimi -sia di periodo sia assoluti-. Inoltre è stata provvidenziale la conferenza stampa del Fomc di Jerome Powell nel distendere ancora di più gli animi degli investitori: il Presidente della Fed, infatti, con fare estremamente dovish ha reso meno indigesto alle piazze finanziarie l'inizio del tapering e ha allontanato, almeno per il momento, lo spettro dell'inflazione.

Il convergere di tutti questi elementi, naturalmente, ha avuto il merito di riaccendere l'interesse verso gli asset di rischio e molti risparmiatori, in procinto di strutturare un'allocazione di portafoglio, si interrogano sulla possibilità di sottopesare la componente reddito fisso, stante anche il perdurare della penuria di rendimenti. Anche in un contesto del genere, tuttavia, è opportuno mettere sempre al primo posto la corretta valutazione del profilo di rischio personale in relazione all'orizzonte temporale, senza farsi influenzare dalla sfera emotiva. Inoltre, prima di approcciare i mercati azionari, non andrebbe trascurato l'aspetto formativo. Ad esempio, leggendo la guida che spiega come funziona la Borsa messa a disposizione su Mercati24.com, è possibile approfondire il funzionamento delle varie strategie di investimento attuabili sulle piazze finanziarie.

Perché viene emessa un'azione

Le azioni sono dei titoli nominativi rappresentanti il capitale di rischio di un'azienda e vengono emesse per drenare liquidità; chi possiede la percentuale maggiore di stock, ovviamente, detiene anche il controllo della stessa. In alcuni casi le società vengono quotate in borsa e una parte delle azioni -definita flottante– sono destinate allo scambio sul mercato, al fine di ampliare il numero di soggetti che, acquistando titoli, fornisce risorse aggiuntive all'azienda. Quindi un'azione può essere negoziata con specifiche finalità: per cercare di acquisire il controllo di una compagniavalore della capitalizzazione della quotata, incassando nel frattempo eventuali dividendi -operatività attuata sia da retailer sia da istituzionali, le cosiddette mani forti.

Le strategie degli istituzionali e degli investitori retail

Tralasciando il caso particolare di un soggetto che abbia l'obiettivo di rastrellare titoli per lanciare un'OPA, è chiaro che ogni categoria di investitore sia più confidente con una determinata strategia operativa: i grandi player, dovendo muovere ad esempio enormi controvalori, non possono negoziare sfruttando finestre temporali troppo ristrette, poiché i loro ordini necessitano di molto volume per essere assorbiti completamente dal mercato senza creare slippage. I piccoli risparmiatori, di contro, riescono a misurarsi con facilità con tutti gli approcci operativi, ma devono necessariamente accodarsi ai trend generati dalle mani forti, in quanto, con una dotazione di risorse di gran lunga inferiore a quella degli istituzionali, non potrebbero fare altrimenti.

Modalità di accesso al mercato a confronto

Gli investitori retail possono contare su diverse soluzioni per accedere al mercato e costruire al meglio il proprio modus operandi. Un canale molto interessante, in tal senso, è quello offerto dai broker online, intermediari finanziari che, a fronte di costi quasi inesistenti, mettono a disposizione degli utenti funzionalità dagli alti contenuti tecnologici.
I trader, utilizzando i Contratti per Differenza, hanno a disposizione una varietà incredibile di sottostanti replicabili sinteticamente nel prezzo. Inoltre, fruendo di leva finanziaria e vendita allo scoperto, possono confrontarsi con tutte le condizioni di mercato -rialzista e ribassista-, anche su scansioni temporali infra-giornaliere. La modalità DMA, invece, ben si sposa con strategie rialziste di medio e lungo termine: infatti, non dovendo negoziare con margine bloccato, sull'investitore non gravano spese di rollover per il mantenimento di posizioni overnight.

lunedì 29 Novembre 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti