Attualità

Da piazza Di Vagno a largo Abbazia fino al Comune. Sabato la “marcia” per la legalità

La Redazione
Piazza Di Vagno (immagine di repertorio)
De Benedittis: «I fatti, che si sono sin qui susseguiti, richiedono che adesso sia la cittadinanza ad affiancare le Istituzioni, con coraggio e determinazione»
7 commenti 2252

Partirà da piazza Di Vagno la "marcia" per manifestare a favore di legalità e pace, voluta dall'amministrazione comunale con il sindaco in testa. Il punto d'incontro sarà il cuore della città, teatro, negli ultimi mesi, di episodi di violenza. La manifestazione proseguirà poi verso largo Abbazia – lì dove fu ucciso il giovane Victor Picaku tre anni fa – e si concluderà in piazza Cesare Battisti. L'appuntamento è sabato 27 novembre alle 19.30. «I fatti, che si sono sin qui susseguiti, – scrive De Benedittis –  richiedono che, adesso, sia la cittadinanza ad affiancare le Istituzioni, con coraggio e determinazione. Ai commercianti e ai titolari di tutte le attività produttive, esprimo solidarietà per le difficoltà incontrate e ribadisco che l'amministrazione comunale è al loro fianco, nel porre in essere ogni iniziativa necessaria a garantire sicurezza e condizioni di crescita economica. Legalità è ricostruzione dei legami. Avanti insieme».

n

giovedì 25 Novembre 2021

(modifica il 3 Agosto 2022, 0:40)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
7 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ss
Ss
8 mesi fa

Bravi.????????????Mettetevi le mascherine.????????????????????

Antonio Caputo
Antonio Caputo
8 mesi fa

……………e noi ci saremo!

Treccarte
Treccarte
8 mesi fa

L'unica cosa “marcia” è proprio la Legge…….

Pier Luigi
Pier Luigi
8 mesi fa

Vorrei esserci.

franco
franco
8 mesi fa

spero nella totale partecipazione dei cittadini alla marcia di sabato, altrimenti sarebbe un flop degno di essere ricordato ma per il disdoro che ne deriverebbe

W la marcia della Pace
W la marcia della Pace
8 mesi fa

Sabato sta lo strascico del Black Friday… Makkedite…?!

M.A.S.
M.A.S.
8 mesi fa

In questo paese si marcisce, altro che marciare. Io davvero mi sento senza speranza e con tanta voglia di fuggire. Io non voglio vedere “segnali”, voglio vedere un futuro che adesso non vedo e che non vedo ormai da troppi anni. Non ho più un lavoro, ho perso i miei affetti più cari, e questo clima non aiuta