Attualità

Anche a Corato i papà tornano in sala parto: basta un tampone negativo

La Redazione
La partoriente potrà scegliere una sola persona (caregiver) che potrà assistere solo ed esclusivamente al parto. Presenza vietata in caso di contemporaneità di più parti
5 commenti 2052

I papà potranno tornare in sala parto per assistere alla nascita del proprio figlio. Con una nota aziendale, l'Asl Bari permette al caregiver, una persona a scelta della partoriente, di assistere al parto. Sarà necessario, però, presentare un tampone molecolare negativo effettuato entro le 72 ore precedenti al parto in un laboratorio autorizzato.

La nota è stata diramata il 12 maggio, poco dopo il passaggio della Puglia in zona gialla, ed è valida per tutti i punti nascita della Asl Bari. «Le normative precedenti, ancora più stringenti – spiega Lucio Nichilo, dirigente del reparto di ostetricia e ginecologia dell'Umberto I – avevano lo scopo di ridurre quanto più possibile il rischio di contagio per la paziente, per gli operatori e gli utenti in generale».

«L'attuale normativa, seppur permetta di assistere al parto, rimane stringente, – continua il dottor Nichilo – perché sarà necessario presentare il tampone negativo. Inoltre il caregiver scelto dalla donna potrà presenziare, su nostra chiamata, soltanto al momento esclusivo del parto (periodo espulsivo avanzato, come recita la circolare ndr). Non sarà possibile assistere in caso di contemporaneità di più parti. Le nostre utenti possono fare richiesta nel momento in cui vengono da noi nell'ambulatorio di gravidanza, a termine, poco prima o durante i tracciati. Riceveranno così una modulistica da compilare e firmare. Possono anche consultare il gruppo Facebook Ostetricia e Ginecologia Corato per avere ulteriori dettagli e chiarimenti»,

lunedì 24 Maggio 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 12:24)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
5 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Mamma in gravidanza
Mamma in gravidanza
1 anno fa

Non trovo corretto che invece per chi possa fare un parto cesareo marito moglie e figlio non possono condividere la stessa cosa almeno 10 minuti insieme visto che possono essere tamponati i mariti ….mi auguro che possa essere presa in considerazione visto che la degenza e più lunga rispetto ad un parto naturale..

Sim
Sim
1 anno fa

Pensa a me che ho partorito nel 2020….in piena pandemia…e ti dico di più non avere gente in camera dopo il parto è rilassante perché sei sfatta .il personale è fantastico ti aiutano loro tanto.

Mary
Mary
1 anno fa

Io ho partorito il 2018 volevo tanto che mio marito assisteva al parto ho fatto il cesario e non volevano che ci fosse nessuno perché solo chi parto naturale può assistere perche chi fa il cesario no non lo trovo giusto volevo tanto che in quel momento ci fosse mio marito a darmi forza e supporto ma invece non c'era nessuno spero che i padri potranno assistere anche al cesario e no chi fa il parto naturale può vivere quei istanti di felicità insieme al proprio compagno mentre chi fa il cesario e li sola con i suoi pensieri che prega che tutto vada bene spero venga presa in considerazione di far assistere i padri al momento della nascita che sia parto naturale o cesario… Grazie

Costantino
Costantino
1 anno fa

Cari papà non è meglio non assistere proprio. Io non sono per niente d'accordo a prescindere.

Falco
Falco
1 anno fa

Il parto cesario è diventata una moda? Io ho sempre partorito in modo naturale