Aziende che puntano al futuro

Steel Tech mira allo spazio, all’opera per la “Cosmo architettura”

La Redazione
Alfonso Cialdella e l'ing. Amalia Ercoli Finzi
L'azienda coratina mette a disposizione la sua lunga esperienza nella lavorazione dell'acciaio per trovare soluzioni inedite nei nuovi ambienti in cui l'uomo, in un futuro ormai prossimo, si troverà a dover interagire
scrivi un commento 1137

“Cosmo architettura”. Si intitolava così il primo seminario organizzato dal gruppo di lavoro interdisciplinare creato con passione e lungimiranza dall’arch. Salvatore Partipilo nel l’aula magna del politecnico di Bari per lo scorso 25 gennaio.

La Steel Tech di Corato, che da più di 40 anni opera nell’ambito della lavorazione dell’acciaio è stata tra i main sponsor dell’iniziativa. L’azienda coratina, rappresentata dal suo amministratore Alfonso Cialdella, ha deciso di prendere parte a questo gruppo di lavoro perché da sempre lavora e progetta puntando al futuro, essendo un’azienda aperta e disponibile a progetti innovativi come questo. Steel Tech si impegna a mettere a disposizione la sua lunga esperienza per trovare soluzioni inedite nei nuovi ambienti in cui l’uomo, in un futuro ormai prossimo, si troverà a dover interagire.

Il convegno – che ha visto coinvolti l’ordine degli architetti della provincia di Bari insieme all’ordine degli ingegneri e al collegio geometri di Bari – attraverso una sinergia tra le diverse figure professionali e aziende operanti in diversi settori, si è proposto di gettare le basi per la creazione di nuovi modelli relativi agli habitat futuri nello spazio.

Il dibattito. Fino a poco tempo fa si è posto al centro di questo ambito soprattutto la tecnologia; ora però emerge la necessità di coniugarla a qualcosa che possa rendere più vivibili e accessibili questi nuovi contesti, le basi, i missili spaziali o le navette per esempio.

Nel 2037 probabilmente l’uomo sarà in grado di raggiungere Marte e molto prima comincerà la costruzione di basi lunari che permetteranno di sperimentare i diversi aspetti della vita nello spazio: dalla costruzione di moduli abitativi alle soluzioni per la sussistenza lontano dal pianeta Terra. È evidente quanto sia necessario puntare a nuovi orizzonti che possano migliorare le condizioni in cui vive oggi il nostro pianeta e nello stesso tempo proiettarci verso nuovi scenari al di là della crosta terrestre.

Steel Tech vuole cogliere con entusiasmo questa sfida e vuole contribuire fattivamente a questa evoluzione. Il seminario ha rappresentato la prima pietra della costruzione di un progetto impegnativo ma audace e rivoluzionario, molto più vicino e concreto di quello che si possa credere.

Il seminario ha visto anche l’intervento dell’ing. Amalia Ercoli Finzi, scienziata e accademica. La prima donna a laurearsi in ingegneria aeronautica in Italia (quella aerospaziale ancora non esisteva) l’anno in cui Gagarin porta l’umanità nello spazio. Una donna che per via dei suoi studi e delle sue ricerche è chiamata “la donna delle comete”. Una donna dal grande temperamento e dalla mente illuminata che superando i pregiudizi di un mondo fino a quel momento troppo maschile e maschilistico, è divenuta nel tempo punto di riferimento nell’ambito aerospaziale.

«Ora – commenta Alfonso Cialdella – cogliendo il suo esempio non ci resta che guardare avanti ma anche e soprattutto in alto».

giovedì 31 Gennaio 2019

(modifica il 22 Luglio 2022, 1:38)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti