Altri Sport

Tiro a segno, la società più antica di Corato premiata dal Coni con la Stella d’oro

Angela Iannone
La Stella d'oro al merito sportivo è tra le più alte onorificenze con cui il Comitato olimpico nazionale italiano, premia atleti, dirigenti, tecnici, e società che, per l'attività svolta abbiano dato lustro allo sport italiano
scrivi un commento 870

La Stella d'oro al merito sportivo è tra le più alte onorificenze con cui il Coni, Comitato olimpico nazionale italiano, premia atleti, dirigenti, tecnici, e società che, per l’attività svolta abbiano dato lustro allo sport italiano. Tra questi c'è anche la sezione Tiro a segno di Corato, società ultracentenaria che nei giorni scorsi ha ricevuto materialmente questo prestigioso riconoscimento, assegnato nel 2019. Il conferimento della Stella d’oro è un importante coronamento dell’ultima importante opera di riqualificazione della struttura, che riconosce l’impegno profuso dai dirigenti, a loro volta premiati negli anni scorsi (nel 2017 Stella d’oro a Mario Tarricone; nello stesso anno Stella di Bronzo a Luigi Lotito; nel 2009 Stella di bronzo a Mariagrazia Console Pontrelli)

Il sodalizio coratino è stato costituito il 10 maggio 1884. Si presume che l’attività si sia svolta inizialmente in campi di tiro organizzati, sino alla costruzione del Poligono Principe di Piemonte inaugurato il 23 aprile 1911 dal presidente Cav. Filiberto Piarulli, come ricorda una targa marmorea presente nell’atrio d’ingresso. Dalla sua inaugurazione sino alla fine degli anni ‘30, il poligono è stato al centro di una vivace attività sportiva: venivano infatti organizzate importanti manifestazioni con la partecipazione di numerosi appassionati provenienti anche da altre città, tanto che il 2 luglio 1882 venne istituito il Tiro a segno nazionale che si ramificò in tutta Italia. A seguito dell’ultimo conflitto mondiale, la struttura cadde in totale stato di abbandono e venne saccheggiata. Solo nel 1966, ad opera del presidente Luigi Pisicchio, la struttura venne nuovamente riconsegnata alla società; dopo alcuni anni, fra tante difficoltà, con il presidente Cav. Tommaso Bucci, coadiuvato dai giovani tiratori Mario Tarricone, Michele Rosito e Giuseppe Di Gennaro, vi fu poi la ripresa dell’attività sportiva.

Dal 1969 si sono registrate le prime affermazioni in campo regionale, poi è arrivato Joseph Torti, sicuramente l’atleta che ha conferito maggior lustro con premi e riconoscimenti di rilievo anche a livello internazionale. Nel 1975 la presidenza è quindi stata assunta da Mario Tarricone, che ha ricoperto questo ruolo per 28 anni. Il giovane presidente, animato da grande passione, unitamente alla competenza professionale, coadiuvato dai consiglieri Giuseppe Di Gennaro, Michele Rosito e Dino Simone, ha dato inizio alla paziente opera di recupero della struttura. L’attività di riqualificazione degli impianti, insieme alle affermazioni sportive, ha così consentito alla società il conferimento della Stella di bronzo nel 1989 e di quella d’argento nel 2010. Nel 2003, Mario Tarricone ha lasciato la presidenza che è stata assunta da Mariagrazia Console Pontrelli, la quale ha proseguito l’opera di riqualificazione e potenziamento della struttura con l’allestimento del nuovo stand in cui è possibile praticare varie discipline di tiro anche olimpiche.

domenica 12 Dicembre 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti