Basket

Adriatica Industriale, colpo Crovace per il rush finale

La Redazione
. Mesagnese doc come Mauro Stella, Crovace è un play-guardia classe 1985, gran passatore, dotato di una visione di gioco fuori dall'ordinario e dalle capacità difensive fuori dal comune
scrivi un commento 239

Nuovo tassello per l'Adriatica Industriale Basket Corato, che in vista delle semifinali play-off si rinforza con l'esperienza e la classe di Danilo Crovace. Mesagnese doc come Mauro Stella, Crovace è un play-guardia classe 1985, gran passatore, dotato di una visione di gioco fuori dall'ordinario e dalle capacità difensive fuori dal comune. Un ulteriore sforzo economico per il presidente Antonio Marulli, che regala ai neroverdi un grande giocatore, che va ad allungare in maniera significativa la rotazione dei piccoli a disposizione di coach Marco Verile. 

Crovace è stato tra i protagonisti della salvezza di Mesagne, con 5 punti ad allacciata di scarpe e tanti assist smazzati per i suoi compagni. Autentico simbolo delle minors pugliesi, il play messapico ha alle spalle una carriera importante: dopo le giovanili a Casalpusterlengo con i vari Gallinari e Aradori, poi una serie di stagioni da protagonista, da Ostuni (dove ha conquistato la B2) alla fatal Ceglie, quella 2015/2016 tristemente nota ai tifosi neroverdi per quel Ceglie-Corato 44-42 che consegnò la serie C ai messapici in gara tre della finale play-off. Esperienze importanti in C1 a Melfi, Martina Franca, Soresina, Messina e negli ultimi tre anni è tornato nella sua Mesagne. Per lui dunque a 37 anni si profila la prima avventura nel barese e soprattutto la prima volta da compagno di squadra con Mauro Stella, suo amico di vita.

«Appena ho ricevuto la chiamata della dirigenza neroverde ho subito accettato. Sono onorato a 37 anni di essere stato contattato da una squadra così prestigiosa, così ambiziosa. La stagione con Mesagne è stata complessa sotto molti aspetti, tanti infortuni, tanti incidenti di percorso non ci hanno fatto rendere al meglio, ma alla fine abbiamo chiuso degnamente l'annata. Sono felicissimo di aiutare Corato per trovare la B, questa piazza merita il meglio. Che dire di Mauro, è il mio migliore amico, grande giocatore e uomo, quando lo sostituirò cercherò di non farlo rimpiangere con la mia intensità. Per quanto riguarda l'ambiente neroverde, io l'ho sempre trovato stimolante, per un giocatore sanguigno come me sarà bellissimo avere questo pubblico alle spalle. Ho sempre giocato da avversario contro Corato, ma da sempre ne ammiro il blasone e il calore. Ringrazio società e coach per la fiducia che cercherò di ripagare sul campo, sono carichissimo per questo finale di stagione, forza Corato andiamo a prenderci la B».

martedì 12 Aprile 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti