Il reportage

Quando la guerra fredda si combatteva sulla Murgia: la storia della basi missilistiche Jupiter

Giuseppe Cantatore. Riprese e montaggio Francesco De Marinis
close
Quando la guerra fredda si combatteva sulla Murgia: la storia della basi missilistiche Jupiter
Era la fine degli anni '50, in piena guerra fredda tra gli Stati Uniti e l'allora Unione Sovietica - e gli americani, in accordo con il governo italiano, costruirono sulla Murgia dieci basi missilistiche che guardavano verso Mosca
10 commenti 6082

Le raccapriccianti cronache che giungono dall'Ucraina raccontano di aggressioni militari, missili lanciati sulle città e persino di minacce nucleari. Una devastazione imponente e impensabile, proprio alle porte dell'Europa, a poco più di 2mila chilometri da noi. Ma c'è stato un tempo in cui tensioni simili – fortunatamente mai sfociate in un attacco – videro protagonista direttamente il nostro territorio. 

Era la fine degli anni '50, in piena guerra fredda tra gli Stati Uniti e l'allora Unione Sovietica, e gli americani, in accordo con il governo italiano in quel periodo guidato da Amintore Fanfani prima e Antonio Segni poi, costruirono sulla Murgia – unico sito di tutta l'Europa occidentale – dieci basi missilistiche "Jupiter" per rispondere alla superiorità strategica che l’Unione Sovietica aveva acquisito in quel periodo. Le strutture ospitavano, in totale, 30 missili nucleari (tre per ciascuna base) ready to fire, ovvero pronti a partire in direzione Mosca. Ogni missile era alto circa 30 metri e aveva una testata nucleare di 1.45 megatoni, ovvero una potenza distruttiva cento volte superiore a quella delle bombe atomiche lanciate nel 1945 su Hiroshima e Nagasaki.

La basi vennero costruite a partire dal 1959 (e poi smantellate nel 1963, in seguito alla famosa crisi di Cuba, grazie all’accordo tra il presidente americano John Kennedy e quello russo Nikita Krusciov) a Spinazzola, Gravina, Altamura, Bitonto, Matera, Irsina (Mt), Acquaviva, Gioa del Colle, Laterza e Mottola. Luoghi considerati isolati e dove la gente faceva poche domande. Siamo stati nella base di Spinazzola, ai piedi del bosco di Acquatetta e a pochi chilometri dal confine con il territorio di Corato, e poi in quella di Gravina, all'interno del bosco "Difesa grande". A guidarci Girolamo Aliberti, appassionato di fotografia che ha più volte immortalato questi luoghi, e Pietro Amendolara, fotografo e profondo conoscitore del territorio murgiano.

Le basi sono pressochè identiche tra loro. Ognuna di esse ha la forma di un triangolo con gli angoli arrotondati. Tra i ruderi, in molti casi avvolti dalla vegetazione, si riconoscono con chiarezza le torrette di avvistamento costruite lungo il perimetro e le basi di cemento su cui – negli angoli – erano installati i tre missili, uno di lancio e due di riserva. Più in là, le piazzole dove erano alloggiati i camion con il carburante e, al centro della base, la caserma. Nella cucina della struttura, invasa da alberi e degrado, resistono ancora alcune mattonelle azzurre posate sessant'anni fa. Mentre giriamo, la base di Spinazzola (che sorge su un terreno privato) è sferzata dal vento. Guardato da quella prospettiva, anche un panorama molto noto come quello del bosco di Acquatetta e della fossa bradanica – nel territorio del parco nazionale dell'alta Murgia – appare diverso. Perchè conoscere la storia di quelle basi cambia inevitabilmente lo sguardo di chi osserva. Nella base di Gravina, invece, tutto sembra più rarefatto e a tratti persino spettrale, anche a causa dell'incendio che l'estate scorsa ha distrutto buona parte del bosco "Difesa grande": qui il suolo è pubblico e quindi è possibile guardare molto più da vicino la struttura, studiarne i dettagli, percorrerne gli stretti viali pieni di rovi, immaginare come fosse nel 1960 e respirare quell'aria inevitabilmente pesante. Tracce di una storia che, se gli eventi avessero preso un'altra piega, avrebbe potuto non essere raccontata.

Nel video in alto le immagini di oggi, quelle storiche e una testimonianza di cui fare memoria. Nella galleria fotografica, le fotografie di Pietro Amendolara e Girolamo Aliberti.

martedì 15 Marzo 2022

(modifica il 10 Agosto 2022, 21:50)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
10 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Vincenzo Quinto
Vincenzo Quinto
4 mesi fa

ottimo articolo. Complimenti all'autore!!

Antonio Caputo
Antonio Caputo
4 mesi fa

Bravi, bravi e bravi!!!!!!!!!

Mariella Tarricone
Mariella Tarricone
4 mesi fa

Complimenti agli autori, la storia locale è anche storia nazionale

Franco Tempesta
Franco Tempesta
4 mesi fa

Ottimo lavoro. Grazie. Bravissimi.

Pier Luigi
Pier Luigi
4 mesi fa

Amintore Fanfani, Antonio Segni e chi per loro avrebbero potuto anche far erigere le basi missilistiche a casa loro, anzichè a casa nostra, considerando anche l'ovvio pericolo a cui hanno sottoposto tutte le città in zona.

Francesco
Francesco
4 mesi fa

Perché gli Enti (Parco, Comuni, ecc.) non pensano ad un “recupero” (riutilizzo per scopi culturali e/o naturalistici) di questi luoghi, vista la loro peculiare ubicazione?

Franco
Franco
4 mesi fa

E invece la Nato ora pensa ad installare missili nucleari in Ucraina al confine con la Russia, ad appena 280 km da Mosca, con il rischio di scatenare una guerra.

franco
franco
4 mesi fa

senza andare così lontano nel tempo il sottoscritto ha fatto alcuni mesi di naia ad UDINE in una caserma artiglieria pesante campale con i carri armati tigre regalatoci dai nostri alleati all'epoca.- ebbene allora i miei superiori non facevano altro che parlarci del NEMICO che poi era la ex Jugoslavia ed infatti ogni giorno c'erano esercitazioni con puntamento dei cannoni verso tale NEMICO.- aggiungo che trasferito in Puglia ho prestato servizio presso la famosa polveriera di POGGIORSINI… che non mi pare esista ancora.. o no?

Gaetano Bucci
Gaetano Bucci
4 mesi fa

Congratulazioni per questo servizio giornalistico, che è un interessante e attuale pezzo di storia locale legato alla grande storia mondiale. Ci sarebbe tanto da approfondire e da trasmettere, soprattutto attraverso la scuola. Non sarebbe male l'idea di ricostruire una base missilistica per farne un luogo simbolo della pace, più che un semplice ricordo della guerra fredda. Magari ricostruendo, con delle installazioni artistiche, dei “missili di pace”. Servirebbe non solo a ricostruire un passaggio molto importante della storia della nostra Puglia e della sua posizione strategica verso oriente ma anche a lanciare un messaggio per la vita. Grazie a tutti voi.

Luciano
Luciano
4 mesi fa

Si sapeva come cosa, roba vecchia, poi tempo fa fecero un servizio anche al tg3, nulla di nuovo!