Cronaca

Nelle sedi del Tribunale di Trani da oggi solo con il green pass base

La Redazione
«Anche l'Avvocatura di Trani - sottolinea il Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Trani, Tullio Bertolino - farà la sua parte in questa tremenda battaglia per limitare la diffusione del contagio»
1 commento 316

Da questa mattina anche il Tribunale di Trani deve fare i conti con l’entrata in vigore del nuovo Decreto Legge varato lo scorso 7 gennaio per far fronte all’emergenza covid. Il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, Annamaria Tosto, infatti, ha disposto che in tutte le sedi dei Tribunali di Bari, Foggia e Trani e presso il Tribunale per i Minorenni «dalla data odierna l’accesso anche dei difensori, dei consulenti, dei periti e degli altri ausiliari del magistrato estranei alle amministrazioni della giustizia avvenga solo ove dispongano di certificazione verde Covid 19 e previa esibizione, su richiesta, della suddetta certificazione». In altre parole, chiunque voglia entrare nei Palazzi di Giustizia e nelle sedi giudiziarie (compresi avvocati e consulenti, oltre che magistrati e cancellieri) dovrà essere in possesso del Green Pass Base. Esclusi solo i testimoni e le parti civili.

«Anche l’Avvocatura di Trani – sottolinea il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Trani, Tullio Bertolino – farà la sua parte in questa tremenda battaglia per limitare la diffusione del contagio. Siamo consapevoli che ciò potrebbe creare qualche disagio e qualche rallentamento nelle operazioni quotidiane che siamo chiamati a compiere. Ma come sempre gli Avvocati sapranno dimostrare il massimo senso di responsabilità e collaborazione in vista del bene comune della salute». Il provvedimento, infatti, rientra tra le “Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza Covid 19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore” e più in generale in tutti gli uffici pubblici nell’ambito dei provvedimenti “urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid 19”.

Per semplificare il lavoro degli operatori della giustizia di Trani si ripropone la distinzione fra i vari certificati verdi, così come specificato dal Governo: la differenza sta a indicare quali tipi di Certificazione verde Covid 19 sono validi per diversi utilizzi e periodi di tempo, che possono variare con l’evolversi della situazione epidemiologica.

Green pass base: si intende la Certificazione verde Covid 19 per vaccinazione, guarigione, test antigenico rapido o molecolare con risultato negativo.

Green pass rafforzato: si intende soltanto la Certificazione verde Covid 19 per vaccinazione o guarigione. Il green pass rafforzato non include, quindi, l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare.

Green pass booster: si intende la Certificazione verde Covid 19 rilasciata dopo la somministrazione della dose di richiamo, successiva al completamento del ciclo vaccinale primario. Chi non ha ancora fatto la dose di richiamo potrà utilizzare il green pass da ciclo vaccinale primario completato o da guarigione, ma dovrà presentare contestualmente un documento, cartaceo o digitale, di un test antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle 48 ore precedenti, che attesti l’esito negativo al SARS-CoV-2.

lunedì 10 Gennaio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
????????????????
????????????????
5 mesi fa

E se uno non ha i soldi per il tampone?Che fa’il giudice?