Cultura

«Che fine ha fatto il contributo per il Concorso Euterpe?» Botta e risposta tra De Santis e Comune

La Redazione
​Lettera del presidente e direttore artistico dell'associazione culturale musicale Euterpe, Francesco De Santis, indirizzata al sindaco De Benedittis e all'assessore Marcone. Che replicano a stretto giro
1 commento 662

«Penso sia un nostro diritto pretendere risposte ufficiali e definitive per sapere che fine hanno fatto i fondi a noi destinati». «Si tratta di un ennesimo debito fuori bilancio, di cui l'Amministrazione De Benedittis non ha alcuna responsabilità. Si sta lavorando per cercare di addivenire a una soluzione». È, in estrema sintesi, il botta e risposta tra il presidente e direttore artistico dell’associazione culturale musicale Euterpe, Francesco De Santis, e il Comune, nella fattispecie il sindaco Corrado De Benedittis e l'assessore Beniamino Marcone. Pomo della discordia è il contributo assegnato ma non ancora erogato al Concorso Euterpe, manifestazione che da anni viene svolta a Corato con la partecipazione di musicisti di tante nazionalità.

«Potrebbe essere la trama di una fiction realizzabile quella che si è e si sta verificando ai danni di una delle manifestazioni più importanti del panorama culturale cittadino e che probabilmente ne decreterà la fine» scrive De Santis in una lunga lettera inviata al sindaco e all'assessore. «Tralascio il prologo, risalente già all’inizio del 2019 con l’allora commissario prefettizio Rossana Riflesso, per passare al 28 febbraio dello scorso anno. In questa data ho incontrato il sub commissario Margherita Lucarelli, con la quale mi ero già confrontato precedentemente e che ringrazio ancora per la disponibilità e sensibilità mostrata verso la manifestazione, la quale mi rassicurava – e non ho motivo di dubitarne – che erano stati reperiti e accantonati i fondi per il contributo alla manifestazione e che appena possibile ne sarebbe stata formalizzata l’erogazione. A giugno comincio quindi a chiedere informazioni tramite la segreteria comunale, per sapere se il Segretario avesse predisposto la delibera per Euterpe. Dopo qualche giorno mi viene chiesto di presentare la documentazione delle spese sostenute, cosa che faccio puntualmente ed il 6 luglio inoltro, tramite protocollo, la formale richiesta di erogazione del contributo. Dopo un intero mese, non avendo purtroppo ricevuto notizie, mi reco personalmente dal segretario Comunale Luigi D’Introno che mi rassicura dicendo che purtroppo non era riuscito a predisporre la delibera e che a breve avrebbe risolto».

Secondo quanto si legge nella lettera, nulla cambia fino al mese di dicembre, quando De Santis incontra l'assessore Marcone «il quale – prosegue il presidente di Euterpe – mi comunicava di aver esaminato la proposta di delibera a suo tempo già predisposta dall’ex Segretario comunale, ma di non sapere se i fondi fossero ancora disponibili sul capitolo di spesa previsto. Si riservava pertanto di parlare con gli addetti ai lavori e di aggiornarmi a breve. Dopo questo incontro non mi è stato però più comunicato alcunchè». Dopo un nuovo incontro con l'assessore «alla presenza di un rappresentante della ragioneria» emergono «dubbi sulla fattibilità della proposta di delibera, precedentemente elaborata in quanto mancherebbe l’indicazione del capitolo da dove attingere i fondi» prosegue De Santis. «Apprendo da altre fonti che il capitolo di spesa previsto era il numero 2739. Il 15 gennaio trasmetto questa informazione al sindaco. Successivamente lo incontro e mi rassicura, mi chiede ancora di pazientare perchè per ragioni tecniche avrebbe dovuto aspettare l’approvazione del nuovo bilancio e che subito dopo si sarebbe prodigato per risolvere. Dopo un nuovo incontro, il sindaco ribadisce che non appena ci sarà l’approvazione del bilancio si prodigherà per risolvere la vicenda. Nel frattempo l’assessore mi chiede di riconsegnare la documentazione delle spese sostenute per sottoporle all’attenzione dei revisori dei conti e del dirigente perché il contributo deve rientrare tra i “debiti fuori bilancio”. Riconsegno la documentazione delle spese gia sostenute per un totale di € 44.692,76. A luglio il mistero non si chiarisce, anzi». Dopo un nuovo botta e risposta con il sindaco De Benedittis e l'assessore Marcone e un colloquio telefonico tra il primo cittadino e il funzionario responsabile del settore Cultura della Regione, l'ultimo contatto con il Comune, secondo quanto afferma ancora De Santis, risale «al 2 novembre scorso, ancora una volta con un nulla di fatto».

«È doveroso farsi delle domande» chiosa quindi il presidente di Euterpe. «Perché si è arrivati a questo? Solo una serie di coincidenze negative? O ci sono state inadempienze di qualcuno? Per quale motivo l’assessore Beniamino Marcone quando ha ricevuto la delibera predisposta con indicato il capitolo di spesa non l’ha portato in Giunta? Perché, come mi aveva garantito, non ha contattato l’ex segretario comunale per chiedere lumi sulla delibera? È questo il modo di trattare una manifestazione che tanto lustro, visibilità e anche economia ha dato a Corato? Ci si dimentica che dopo la ventesima edizione, Sky Classica ha mandato in onda un servizio di circa 10 minuti sulla manifestazione e che nel corso degli anni il concorso ha fatto arrivare maestri, concorrenti e accompagnatori da tutto il mondo, dalla Russia agli Usa, dalla Cina al Messico, da Singapore al Giappone, ecc. A questo punto – conclude – penso sia un nostro diritto pretendere al più presto delle risposte ufficiali e definitive per sapere che fine hanno fatto i fondi a noi destinati».

A stretto giro è giunta la replica del sindaco e dell'assessore. «Il problema sollevato dal maestro De Santis, riguardante il concorso Euterpe è reale» affermano De Benedittis e Marcone in una nota congiunta. «Si tratta di un ennesimo debito fuori bilancio, di cui l'Amministrazione De Benedittis non ha alcuna responsabilità. La difficoltà, a tutt'oggi, è data da una carente documentazione, necessaria alla giustificazione stessa del debito. Si sta lavorando per cercare di addivenire a una soluzione, nel pieno rispetto della normativa vigente. Si riconosce l'alto valore culturale del Concorso Euterpe frutto dell'impegno del maestro De Santis. L'impegno per garantire la positiva soluzione è massimo, così come la volontà di assicurare al progetto stesso la continuità che merita, garantita da buoni metodi amministrativi».

giovedì 11 Novembre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ctarricone
Ctarricone
7 mesi fa

Aspetta cavallo che l’erba cresce!