Attualità

Dopo 5 anni approvata la graduatoria provvisoria per l’accesso agli alloggi popolari

La Redazione
Per ovvie ragioni legate alla privacy la graduatoria non è pubblica, ma i destinatari sono stati contattati personalmente e hanno ricevuto il punteggio attribuito o le motivazioni per le quali sono stati esclusi dall'attribuzione
1 commento 2711

È stata approvata la graduatoria provvisoria per l'accesso ad alloggi di edilizia residenziale pubblica, a seguito del bando di concorso avvenuto nel 2016. Dopo 5 anni, quindi, si è sbloccato l'iter per permettere a chi ha fatto richiesta di usufruire di questo importante servizio. Per ovvie ragioni legate alla privacy la graduatoria non è pubblica, ma i destinatari sono stati contattati personalmente e hanno ricevuto il punteggio attribuito o le motivazioni per le quali sono stati esclusi dall’attribuzione. Entro le 12.30 del 3 gennaio 2022, i concorrenti possono presentare eventuale richieste motivate e documentate avverso la graduatoria provvisoria su apposito modulo scaricabile direttamente dal sito istituzionale dell’ente Comune di Corato o da ritirare presso il front-office ufficio casa Alloggi Popolari in via Gravina, 132. Oltre tale data le richieste saranno considerate inammissibile. Le istanze presentate e tese a rivedere l’attribuzione di punteggio adeguatamente motivate e documentate, saranno trasmesse unitamente ai fascicoli dei richiedenti, alla Commissione Provinciale di assegnazione. Il parere della suddetta Commissione sarà considerato vincolante.

«È un'importante risposta che la mia amministrazione, oggi, dà al problema abitativo» dichiara il sindaco, Corrado De Benedittis. Pubblicare la graduatoria significa garantire diritti e legalità. È la via maestra per assegnare le case, in base a un monitoraggio aggiornato dei bisogni e per contrastare il fenomeno delle occupazioni abusive. È un passaggio molto significativo, se si considera che l'ultima graduatoria risale nientemeno che al 2004. Chiudendo la procedura del bando del 2016, abbiamo dotato il Comune di uno strumento operativo più aggiornato e, al contempo, abbiamo creato le condizioni per cominciare a programmare il successivo bando. Sono tante le criticità del patrimonio immobiliare pubblico, dalle manutenzioni alle morosità, che stiamo affrontando, d'intesa con Arca Puglia».

sabato 6 Novembre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
tonico
tonico
7 mesi fa

La graduatoria è stata pubblicata ma…per “ovvie” ragioni legate alla privacy non è pubblica! Ci si rende conto che questa è FOLLIA.
Ma chi è colui che prende codeste decisioni?
Quali dati sensibili si nascondono all'interno nella graduatoria?
E poi, considerato che la la graduatoria non è pubblica come si può procedere ad una legittima opposizione?
E ancora perché i coratini non devono sapere chi ha usufruito dei soldi pubblici?
Mi piacerebbe leggere una risposta a questi interrogativi!