Calcio

Corato, sei in finale! Impresa a Canosa: battuto il Barletta 2-1

La Redazione
I neroverdi, sfavoriti alla vigilia, sono passati in vantaggio al 4' della ripresa con una rete di Caputo. In pieno recupero, prima il raddoppio di Cotello su calcio di rigore. Al 49' il gol - inutile - dell'ex Di Rito
2 commenti 2221

Il Corato sbanca il San Sabino di Canosa battendo 2-1 il più quotato Barletta e vola in finale playoff dove troverà l'Audace. Un successo inaspettato, come il meraviglioso percorso che la squadra di Scaringella sta costruendo partita dopo partita, ostacolo dopo ostacolo. E dire che alla vigilia della ripresa dell'Eccellenza, sembrava quasi che il Corato fosse destinato ad un campionato di transizione.

I neroverdi, invece, si sono dimostrati essenziali e cinici nei momenti che contano, come nella difficilissima trasferta al San Paolo di settimana scorsa. A Canosa, anche se aiutati dalla fortuna (i biancorossi hanno colpito un palo e una traversa) i ragazzi di Scaringella hanno saputo limitare gli avversari, sfruttando al massimo le occasioni avute.

La gara sale subito d'intensità con il palo colpito da Vito Morra, di testa, su traversone di Di Rito. Il Corato risponde con Anibal Montaldi. Il tiro a giro dell'argentino trova il piede di Ianniciello. Nella mezz'ora successiva succede poco. I biancorossi sono imprecisi prima con Di Rito e poi con Morra.

Quattro minuti dopo l'inizio della ripresa il Corato va in vantaggio. Bel pallone di Cotello – sfiorato di testa da Marangi – che atterrà davanti a Caputo. Il ventunenne di Poggiardo non perdona Lovecchio. Al 16' Di Rito può subito portare la gara in parità ma, liberatosi in area piccola, ciabatta il pallone rendendo facile la vita ad Addario. Al 20' traversa di Bonasia su un piazzato da destra.

In pieno recupero il raddoppio del Corato. Caruso lancia Imed Atif, classe 2002, che viene atterrato in area da Lovecchio. Dagli undici metri Cotello fa 2 a 0. Il Barletta prova a salvare il salvabile. Al 49' Di Rito, servito da Lanzone, accorcia calciando di potenza da distanza ravvicinata. Al 6' di recupero, ancora l'argentino colpisce col piattone ma Addario neutralizza e porta i suoi in finale.

«Onore al Barletta che ha disputato una grande partita. Sapevamo che non avrebbe giocato per il pareggio per cercare di evitare i 120 minuti – ha commentato il tecnico Giuseppe Scaringella – e noi abbiamo fatto la nostra partita: concentrati, con sacrificio, sfruttando tutte le occasioni avute. Il nostro vantaggio è giocare senza grande pressione, ma – allo stesso tempo – siamo stati bravi a non accontentarci».

Una domenica ricca di sorprese e di colpi di scena. Come quanto è accaduto al Miramare tra Manfredonia e Audace Barletta. I biancorossi due volte avanti con Agodirin e Rizzo, ripresi al 90' e al 92' da due reti di Trotta. Ai supplementari Greco e Rizzo riportano sul +2 i trinitapolesi. Inutile la rete di Morra all'ultimo minuto di gioco.

Il tabellino

Barletta: Lovecchio; Telera (12'st Russo), Ianniciello, Marangi, Bonasia; Milella, Ganci, Cafagna (12'st Perrino); Varsi, Di Rito, Morra (30'st Lanzone) . Allenatore Albanese (squalificato Farina)

Corato: Addario; Lezzi (38'st Atif), Campanella, Daiello, Quacquarelli; Giancola, Ngom (17'st Dentamaro); Caputo (24'Santoro), Cotello, Petitti; Montaldi. Allenatore Scaringella

Arbitro: Valentini di Brindisi
Reti: 4'st Caputo, 46'st rig.Cotello, 48'st Di Rito (B)

lunedì 14 Giugno 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 10:44)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Pier Luigi
Pier Luigi
1 anno fa

Forza Corato! Dai, prendiamo questa serie D!

Gigi Gusto
Gigi Gusto
1 anno fa

Che grande partita!