Attualità

Consorzio olivicoltori: «Difendere il mercato dell’extravergine e tutelare i consumatori»

La Redazione
Olio
In Italia l'olio tunisino: «necessari controlli più efficaci all'arrivo e sulla destinazione di questi oli oltre che sulla tracciabilità e sulle indicazioni riportate in etichetta dalle aziende che ne fanno uso e abuso»
3 commenti 279

«Sospendere le importazioni di olio extracomunitario, soprattutto tunisino, nel periodo della raccolta e calendarizzare l’arrivo del prodotto nei mesi meno caldi per il settore». È quanto chiede a gran voce il presidente del Consorzio nazionale degli olivicoltori, Gennaro Sicolo, allarmato dall’arrivo in Italia, in queste settimane di olio tunisino a dazio zero in ottemperanza del regolamento comunitario 1918/2006.

In base a questa decisione dell’Unione Europea, l’Italia avrebbe ancora a disposizione 45mila tonnellate di olio tunisino che, qualora dovesse arrivare, potrebbe portare grande nocumento alla produzione olivicola nazionale.Nel solo mese di settembre sono arrivate dalla Tunisia 6300 tonnellate di prodotto, mentre nei primi 15 giorni di ottobre è stato registrato l’ingresso di quasi 1000 tonnellate di olio. L’obiettivo dell’appello di Sicolo è chiaro: difendere il mercato dell’olio extravergine d’oliva italiano e tutelare i consumatori.

«Chiedo l’intervento del Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, e del Ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, per sospendere nei periodi caldi della raccolta e della produzione, da ottobre a maggio, l’arrivo di oli extracomunitari sul nostro territorio» ha evidenziato Sicolo.

«Per coprire il nostro fabbisogno abbiamo bisogno di importare prodotto e l’Unione Europea ci impone di aiutare la Tunisia, lo capisco. Lasciando però libere le grandi aziende di ritirare olio extracomunitario quando vogliono, si rischia seriamente di alterare il mercato e di mettere in difficoltà centinaia di migliaia di produttori con le rispettive famiglie» ha continuato Sicolo.

«Bisogna regolare l’arrivo di olio extracomunitario calendarizzando le richieste di importazioni delle aziende nei mesi meno caldi per il settore per dare la possibilità alla produzione nazionale di piazzarsi sul mercato senza la concorrenza sleale di prodotti con qualità e prezzi inferiori» ha rimarcato Sicolo.

«Inoltre per tutelare i consumatori, sono necessari controlli più efficaci sull’arrivo e sulla destinazione di questi oli oltre che sulla tracciabilità e sulle indicazioni riportate in etichetta dalle aziende che ne fanno uso e abuso» ha concluso Sicolo.

giovedì 26 Ottobre 2017

(modifica il 23 Luglio 2022, 1:46)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Il giustizia
Il giustizia
4 anni fa

Giusto che bisogna valorizzare il nostro olio d'oliva ma bisogna creare dei consorzi seri è dare valore al proprio prodotto di produzione è dare più diritti ai braccianti agricoli con un aumento della giornata lavorativa OK datevi da fare con i fatti

Uno Qualunque
Uno Qualunque
4 anni fa

Solo l'Italia deve aiutare la Tunisia o anche altre nazioni produttrici, tipo la Spagna che vede mezzo litro di prodotto al dettaglio a 9 euro! Da noi un litro quanto costa?

nerdrum
nerdrum
4 anni fa

40 anni sempre la stessa canzone. ma nn vi siete stancati, a scadenza fissa, di solito poco prima di una nuova campagna olivicola, a venir fuori con gli stessi discorsi che, puntualmente cadono nel nulla. noi siamo quelli che siamo, incapaci di progettare il ns futuro, capaci solo di giocare in difesa (catenacciari) e lamentarci dell'arbitro. non siamo capaci neanche a copiare.