Festa Basket Corato
Alcuni dei volti noti dei sessant'anni del Basket Corato. © CoratoLive.it
Festa neroverde

La promozione e l’ipotesi di un nuovo palazzetto: il Basket Corato festeggia così i suoi sessant’anni

Francesco De Marinis
Francesco De Marinis
È stata la festa di tutta la polisportiva, con la salvezza conquistata dalla Polis e il riuscitissimo esperimento del Baskin, il basket inclusivo
2 commenti 2430

È proprio una stagione da incorniciare quella che la polisportiva che comprende Basket Corato, Polis e Baskin si lascia alle spalle. Poco meno di due mesi fa la pallacanestro coratina festeggiava la prima promozione davanti al proprio pubblico, Due settimane fa è toccato alla Polis stappare lo champagne per la permanenza in Serie C. È stato anche l’anno del Baskin, il basket totalmente inclusivo, nato su iniziativa del presidente Marulli. Il tutto condito da una ricorrenza a cifra tonda: i sessant’anni del Basket Corato, nato come Libertas nel 1962 grazie al cavalier Riccardo Parziale.

Una festa quadrupla celebrata a Borgo Sassi con quasi tutti i protagonisti di questa lunga stagione e con tanti ospiti d’eccezione. Il più lontano, Jason Lee Stura, in diretta dagli States. C’erano anche tanti volti noti del sessantennale neroverde, dallo storico dirigente Peppino Aucelli, ai fratelli Resta. E ancora Michele Mele, il coach della vittoria a Caserta e Franco Gatta, protagonista di 15 stagioni in neroverde. Presente Margaret Gonnella, ex presidente regionale Fip, oggi consigliera nazionale.

È stata l’occasione per illustrare quello che è stato fatto negli ultimi dodici mesi e quello che c’è ancora da fare, a partire dalla questione palazzetto, richiesto più volte dalla società e dai tifosi coratini. Da un paio di settimane è stata individuata una nuova area dove far sorgere una nuova struttura. Ad annunciare il primo passo è stato il presidente Antonio Marulli. «Abbiamo avviato un’importante interlocuzione – ha detto Beniamino Marcone, assessore con delega allo sport – e abbiamo individuato l’area. Martedì prossimo ci riaggiorneremo per definire in seguito l’avvio di una fase progettuale». Sarà importante capire come verrà finanziato.

Nel frattempo il vecchio PalaLosito non permetterà al Basket Corato di puntare troppo in alto. Quest’anno la Fip rivoluzionerà i campionati con la reintroduzione di un campionato di mezzo tra la Serie B (dove militerà il Corato) e la A2. Metà delle squadre di tutta la B passeranno nella nuova B d’eccellenza. L’altra metà delle squadre – con le promosse dalla C – formeranno la B interregionale. La capienza del PalaLosito non è sufficiente per partecipare alla B d’eccellenza, quindi sarebbe inutile allestire un roster per puntare alla promozione ma bisognerà aspettare il nuovo palazzetto.

Nonostante questo l’obiettivo della società è fare un campionato dignitoso, come ribadito dal main sponsor – Cataldo Mazzilli di Adriatica Industriale – e dal vicepresidente Pieraldo Capogna. Un campionato per divertire e divertirsi, con Verile sempre al timone e con le riconferme di capitan Stella e Tomasello. Due nuovi colpi sono in rampa di lancio e verranno comunicati prossimamente. La stagione 2022-2023 della polisportiva sarà quella del consolidamento di una struttura rodata che sta iniziando a raccogliere quanto seminato. Il Basket Corato tornerà a confrontarsi su un palcoscenico nazionale, rafforzando il settore giovanile affidato a Giovanni Putignano, la Polis continuerà a lavorare fruttuosamente sui giovani, il Baskin, dopo aver esordito in campionato, cercherà di coinvolgere sempre più ragazzi.

venerdì 1 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Luigi Acella
Luigi Acella
1 mese fa

È stata individuata l’area per il nuovo palazzetto. Si può sapere dove ?

Francesco Capogna
Francesco Capogna
1 mese fa

Ottima sintesi.Bravo De Marinis!!!!