Attualità

Karate a scuola

La Redazione
​Sport, autodifesa, salute, movimento: ottime leve con cui insegnare rispetto e disciplina. Vale per l'Imbriani che ha abbracciato il progetto di "Sport e Salute" in collaborazione con Asd Ryugi Corato
scrivi un commento 1498

Lo sport è vita, benessere, rispetto per l’atro e per sé stessi. Può ben dirlo Giuseppe di Gennaro tecnico federale Fijlkam 5° Dan che insieme a suo padre, il maestro Andrea di Gennaro, opera attivamente nella palestra Asd Ryugi Corato. Non a caso, Giuseppe in collaborazione con la professoressa responsabile del progetto Stefania Pesce e della collega Carmen Liso ha tenuto presso l’istituto Imbriani un corso di 30 ore rivolto a tutti i ragazzi delle medie che si sono misurati col karate e la pallavolo. Attività diverse ma che esaltano da un lato la disciplina individuale e dall’altro il gioco di squadra.

«La proposta è arrivata da Sabino Silvestri, presidente regionale Fijikam che ci ha proposto di aderire al progetto “le settimane dello sport” nelle scuole – spiega di Gennaro – accogliendo l'iniziativa realizzata con le federazioni sportive nazionali e promossa da “Sport e Salute”, d’intesa con la sottosegretaria allo sport, e col ministero dell’istruzione. Grazie a questo progetto, i ragazzi hanno approfondito i dettagli della disciplina sportiva avvalendosi della guida di tecnici federali esperti e competenti. Insieme a Nicola Bucci, presidente della palestra Asd Ryugi Corato, sento di ringraziare prima di tutto Sabino Silvestri per la stima e la fiducia accordataci.

Inoltre, sono fiero di aver dato vita al progetto proprio nella scuola Imbriani, la mia scuola di quando ero bambino e in cui sono tornato da insegnante di karate. Tra aprile e fine maggio ragazze e ragazzi hanno imparato le tecniche base della disciplina, la preparazione atletica e le tecniche di difesa personale. Abbiamo dedicato un paio d’ore ad ogni classe per un totale di 15 classi, riscuotendo l’interesse e l’entusiasmo di molti che sono desiderosi di imparare le arti marziali e amano l’attività sportiva.

Progetti come questo non sarebbero possibili senza l’intraprendenza di presidi d’eccezione come la dirigente Grazia Maldera e alla volontà di mettersi in gioco delle professoresse Stefania Pesce e Carmen Liso. A loro va il nostro ringraziamento più grande perché hanno avuto il merito di trasformare l’ora di educazione fisica in un’occasione di cambiamento e di scoperta per gli studenti che magari in futuro vorranno approfondire l’arte del karate. Aspettiamo solo il 9 giugno per festeggiare la conclusione di questo splendido percorso fatto insieme».

L’obiettivo di “Sport e Salute” di diffondere la cultura dello sport come valore aggiunto per le scuole e soprattutto per le famiglie e i ragazzi, può dirsi davvero raggiunto.

martedì 31 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 17:54)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti