Frisbee

I Sham a Disc chiudono undicesimi il loro primo campionato nazionale di ultimate frisbee

Francesco De Marinis
Francesco De Marinis
close
ULTIMATE CUS BERGAMO X SHAM A DISC
L'allenatore Grosso: «In questi mesi siamo cresciuti tanto. Se all'inizio i ragazzi erano timorosi, considerando che per quasi tutti era l'esordio, partita dopo partita c'è stata un'evoluzione tecnica positiva»
scrivi un commento 572

Undicesimi ma felici. Va in archivio la prima stagione ufficiale dei Sham a Disc, squadra nata dalla fusione tra i coratini della Disc & Disc e i gravinesi Shamanìn. I ragazzi guidati da Simone Grosso sono arrivati undicesimi nel campionato di Serie C organizzato dalla Fifd (Federazione Italiana Flying Disc) dopo quattro tappe tra Emilia Romagna e Lombardia. «Sono sorpreso – racconta mister Grosso – perché non mi aspettavo questo risultato. Noi ci alleniamo in un campo più piccolo (al centro sportivo Boccotero ndr) rispetto a quello regolamentare e ci sono squadre come quella veneziana arrivata decima, che gioca da vent'anni».

Quattro tappe, dicevamo e un'importante premessa: i Sham a Disc sono l'unica realtà dalla A alla C al di sotto di Roma. La prime due tappe, a Rimini e Forlì, per il raggruppamento est, si sono concluse con il quarto posto in classifica grazie alle vittorie con i bolognesi del Cusb La Bassa e i veneziani dell'Extra Dry dopo una gara emozionante. Nella fase intermedia di Cinisello Balsamo una vittoria contro il Cus Bergamo e una sconfitta nonostante le tante defezioni. Infine, la fase finale disputata a Urgnano, piccolo comune vicino a Bergamo, ha permesso ai Sham a Disc di portare a casa l'undicesimo posto grazie al successo ancora contro il Cus Bergamo (nel video la gara integrale).

Una vera e propria avventura quella di quest'anno, con lunghe trasferte a nord. «Abbiamo noleggiato un furgone e siamo partiti. – racconta Grosso –  Al netto dei rimborsi trasferta dell'Asd e al contributo di alcuni sponsor, la nostra attività è autofinanziata». Una passione, quella del frisbee, portata anche nelle scuole. Questa primavera la società coratina è stata ospite del liceo scientifico Tedone di Ruvo e ieri sera si è svolta la prima partita totalmente al femminile tra le ragazze coratine e quelle gravinesi, terminata 15-14 per queste ultime. «In questi mesi siamo cresciuti tanto. – conclude l'allenatore – Se all'inizio i ragazzi erano timorosi, considerando che per quasi tutti era l'esordio, partita dopo partita c'è stata un'evoluzione tecnica positiva. Queste esperienze aiutano a far accendere la fiamma per l'ultimate frisbee».

domenica 29 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 18:10)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti