Attualità

Loiodice (Unapol): «L’olio extravergine di oliva non è un costo ma un investimento»

La Redazione
Il presidente dell'associazione dei produttori olivicoli a Parma per raccontare l'eccellenza della "Coratina"
1 commento 578

C'è anche l'Unapol, l'associazione nazionale dei produttori olivicoli, presieduta dal coratino Tommaso Loiodice, all'appuntamento con il Cibus di Parma, tra le grandi vetrine fieristiche agroalimentari che quest’anno segnano la ripartenza del Paese. Cinque giorni di incontri con il pubblico e con gli addetti ai lavori per ritrovarsi, raccontarsi, ristabilire finalmente un contatto umano. «Unapol – racconta Loiodice – è soprattutto questo, una solida rete di contatti la cui missione è quella di raccontare la storia di un prodotto d’eccellenza, l’olio extravergine d’oliva, portando la voce dei suoi produttori».

L’ Unapol è una delle tre unioni di produttori riconosciute dal Ministero dell’Agricoltura che mette insieme le OP – Organizzazioni di Produttori presenti principalmente nelle regioni d’Italia che hanno la maggiore vocazione olivicola. E quale occasione migliore di Cibus per educare alla conoscenza di un grande protagonista della nostra cucina. Come spiega Loiodice: “L«’olio non è una commodity, ma un prodotto con una vita, racconta una storia, racconta un territorio, una nazione e soprattutto, racconta il sacrificio dei nostri produttori. L’olio ha il grande merito di preservare i rapporti sociali ed è custode di cultura e antiche tradizioni”. La scelta strategica che Unapol intende portare avanti è quella di “premiare e valorizzare la biodiversità italiana dando risalto alle monocultivar dei suoi associati raggruppandole per territori

«Tra queste emerge la nostra Coratina che prende il nome proprio dalla città che mi ha dato i natali e ai cui olivicoltori e frantoiani sono grato per la professionalità messa in campo per migliorarne sempre più la qualità» afferma con orgoglio Loiodice. «Preservare la biodiversità di coltivazioni e produzioni è un obiettivo che Unapol porta avanti anche con il sostegno della Comunità Europea attraverso iniziative di promozione e sensibilizzazione, ma anche attraverso la possibilità di offrire assistenza agricola alle aziende affinché possano produrre al meglio un olio extravergine d’oliva di altissima qualità. La presenza di Unapol in una delle più importanti fiere agroalimentari come Cibus è finalizzata non solo a dar voce ai tanti produttori ad essa affiliati, ma rappresenta una grande occasione per diffondere la cultura e i valori ancora poco espressi di un prodotto unico e inestimabile. Un consumatore consapevole non acquista, bensì investe sulla propria salute, sulla sostenibilità, sulla tutela di un territorio e consente ai produttori risorse per migliorare sempre più l’offerta» rileva Tommaso Loiodice.

Nello spazio Unapol all’interno del Cibus oltre alle degustazioni, si rinnova la collaborazione con lo Chef Umberto Vezzoli, pronto ad impreziosire le sue creazioni abbinando ad ogni piatto l’olio più adatto. Per Il presidente Loiodice, infatti, «così come i vini si abbinano ai piatti, anche gli oli, in base alle loro caratteristiche, trovano il giusto ruolo in ogni diversa ricetta».

giovedì 5 Maggio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
franco
franco
1 mese fa

il dott LOIODICE farà bene ad intervenire ogni volta che si scopre una ennesima truffa dell'OLIO magari costituendo p.c. la sua associazione e chiedendo oltre i danni anche le pene più severe possibili per i lestofanti