Attualità

L’azienda cresce, ma il personale non si trova: il caso Real Security

La Redazione
Soprattutto a partire dal 2018 l'azienda ha notevolmente incrementato il numero delle proprie unità lavorative. Ma, ora che si appresta a un nuovo scatto in avanti, fatica più del previsto a trovare personale
8 commenti 7963

Chi cerca trova, recita un vecchio adagio. Ma, in realtà, non è sempre così. Perlomeno non lo è, in questo periodo, per la Real Security di Corato, dal 2005 azienda leader nel settore degli impianti di sicurezza civili e industriali. Cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, soprattutto a partire dal 2018 l’azienda ha notevolmente incrementato il numero delle proprie unità lavorative. Ma, ora che si appresta a un nuovo scatto in avanti, la Real Security fatica più del previsto a trovare personale.

«Nel giro di un anno abbiamo ampliato il nostro personale di dieci unità e ora stiamo continuando a crescere mese per mese. Motivo per cui abbiamo bisogno di altri dieci dipendenti che possano inserirsi nel nostro organico» spiega il titolare, Alessandro Rella. «Negli ultimi mesi, però, questa ricerca è diventata particolarmente difficile. C’è molta gente – prosegue Rella – che sa operare in questo settore, ma che preferisce lavorare in nero e risultare disoccupato in modo da percepire il reddito di cittadinanza o l’indennità di disoccupazione. Rinunciando, così, a uno stipendio sicuro pagato secondo quanto stabilito dai contratti collettivi nazionali. Abbiamo mediamente retribuzioni più alte rispetto ad altre aziende e abbiamo adottato tutti i sistemi di ricerca del personale del caso».

A rendere ancora più anomala questa situazione c’è anche dell’altro. «Per molti dipendenti sono diventate un problema le trasferte lavorative» aggiunge il titolare della Real Security. «Parlo di trasferte lunghe al massimo una settimana, che consentono quindi il ritorno a casa nei giorni di sabato e domenica, e ovviamente ben pagate. Eppure negli ultimi anni per questo motivo abbiamo perso almeno quattro operai. In ultimo – sottolinea Rella – a dopare il mercato c’è anche il cosiddetto “Superbonus” (la detrazione del 110% sulle spese sostenute per rendere più efficienti gli immobili, ndr) che ha determinato una crescita dei prezzi con conseguente mobilità degli operai da un’azienda all’altra». Rella ha un ulteriore cruccio. Una cosa che ho notato ultimamente – dice – è la mancanza di senso di appartenenza all’azienda. A livello di personale, un’impresa come la nostra non ha tanto bisogno di grandi numeri, quanto di persone che si occupino degli interessi dell’azienda. È come se i dipendenti ragionino solo nel breve periodo e non pensino, invece, di costruire qualcosa di duraturo insieme all’azienda».

La Real Security, certificata ISO 9001 e ISO 45001, conta ad oggi oltre trenta dipendenti. «A supporto delle nostre numerose attività – conclude Alessandro Rella – abbiamo quindi bisogno di assumere dieci figure tecnico-professionali qualificate che abbiano esperienza come elettricisti. Si tratta di un impiego full time a tempo indeterminato cui ci si può candidare inviando il proprio curriculum all’indirizzo email amministrazione@realsecurityimpianti.it».

sabato 23 Aprile 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
8 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Massimo Petrizzelli
Massimo Petrizzelli
2 mesi fa

Bisogna vedere che tipo di contratto fai e che paga gli offri.

Mm
Mm
2 mesi fa

Invece di cercare gente che abbia già esperienza, formate le persone. C'è gente che ha perso il lavoro in altri settori e a più di 40 anni non sa più come reinserirsi. È bello magari cercare il ragazzo sotto i 29 anni, prendere i contributi dallo Stato e non investire invece su gente che sarebbe disponibile a lavorare se formata idoneamente. Per lo Stato non esistiamo e per gli imprenditori nemmeno. Almeno smettetela di lamentarvi, che di gente che ha finito cassa integrazione, disoccupazione e non ha diritto al RDC perché magari ha la prima casa di proprietà e ha la casetta in campagna (atroce delitto!) è pieno ovunque. Come al solito però in Italia non solo il danno, anche la beffa. Dobbiamo sorbirci tutta questa gente che si lamenta di non trovare dipendenti

Maryo Uciha
Maryo Uciha
2 mesi fa

Chef, è che non vogliono lavorare con un brutto ceffo come te! 😛 (si scherza, eh!)

M..C..
M..C..
2 mesi fa

Il titolare della Real security dice che non trova personale per la propria azienda colpevizando chi prende i RdC e la disoccupazione però non tutti sanno che la ditta cerca operai..quindi potrebbe cercarli tramite il centro per l'impiego .

Massimo Petrizzelli
Massimo Petrizzelli
2 mesi fa

Dipende dal che tipo di contratto stipula, è poi che paga gli offre.

Antonino daniele
Antonino daniele
2 mesi fa

Info

Cleto Caprioli
Cleto Caprioli
2 mesi fa

Ma se non date la possibilità di fare esperienza come si fa a pretendere uno con esperienza?

paolo varese
paolo varese
2 mesi fa

Buongiorno c e da tanta gente che ha bisogno di lavoro