Attualità

In piazza nel nome della pace, anche Corato si stringe al popolo ucraino

La Redazione
In piazza Cesare Battisti la manifestazione di vicinanza di cittadini di tutte le età
4 commenti 2333

Mentre a Kiev, capitale dell'Ucraina, il rumore sordo della guerra taglia il silenzio, ieri sera a Corato a centinaia sono scesi in piazza, accolti dal suono delle canzoni di pace, veri e propri inni alla libertà e alla vita. Persone di tutte le età, di tutte le estrazioni, insieme, per dire "no" alla guerra che sta consumando il popolo ucraino e al contempo per lanciare un messaggio di solidarietà. Perchè, come è stato detto, la guerra non ci può lasciare indifferenti, perché il messaggio di pace deve arrivare anche dalla piazza di Corato. 

Nessuna differenza tra docenti e studenti, genitori e figli, italiani e stranieri, politici di destra e politici di sinistra. Sulle mani di ognuno c'erano dei messaggi di pace, il fuoco delle candele, scaldava e illuminava allo stesso modo, quasi a voler gridare che esiste una speranza. La stessa speranza che ha invocato, con il suo violino, la giovane musicista ucraina Irina, da poco arrivata in Italia. Le note di un canto popolare ucraino hanno risuonato nella piazza gremita, toccando le corde dell'anima di chi ha ascoltato. 

"Slava Ucraina" è il grido che si è levato in più circostanze. Ad ascoltarlo anche molte di quelle persone che la guerra l'hanno conosciuta, come Dimitri, profugo dell'Ossezia, in Italia dopo essere scappato dal conflitto. Con lui anche buona parte della comunità georgiana che ha scelto Corato come seconda casa. La loro vicinanza al popolo ucraino è quanto mai attuale. E poi ci sono i giovani, coloro che la guerra l'hanno conosciuta, fortunatamente, sui libri di scuola. Oggi, il loro grido, si unisce a quello che si ode in tantissime parti del mondo. 

Lasciamo alle immagini il racconto di una serata di riflessione e solidarietà.

venerdì 4 Marzo 2022

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Annalisa L.
Annalisa L.
3 mesi fa

Con queste iniziative si stuzzica l'emotività ma si sopprime la ragione e l'analisi di quanto ci ha portato fin qui.

Billi Ballo
Billi Ballo
3 mesi fa

Tutta questa mobilitazione risulta essere abbastanza patetica.. Fino a ieri qualcuno si è preoccupato di tutte le altre guerre in corso? La Palestina, Siria, Libia, Yemen.. questi invece vi fanno schifo? Siete mai scesi in piazza elemosinando la pace per gli altri? ..Meglio se tornate a ignorare tutto come si è sempre fatto.

Angela  Mazzilli Ventura-Corato
Angela Mazzilli Ventura-Corato
3 mesi fa

Bellissima iniziativa… 10 e LODE a chi vi ha partecipato… bravi !!! ❤ “L'indifferenza uccide più della spada …” (citazione)

Ciccio
Ciccio
3 mesi fa

Bella iniziativa per la pace! Peccato che sull'albo pretorio ci siano documenti dell'esercito che chiedono al comune di poter disporre di una vasta area di torre di nebbia dal 15 al 31 marzo per esercitazioni militari. Sperando che restino solo esercitazioni.