Attualità

Guerra in Ucraina, la città in marcia per la pace

La Redazione
La manifestazione per la pace e di solidarietà con l'Ucraina che partirà domani, 3 marzo, alle 19 da piazza Cesare Battisti
3 commenti 927

Domani, 3 marzo, il Comune – in sinergia con la comunità georgiana e ucraina residente nella nostra Città –  ha organizzato una manifestazione per la pace e di solidarietà con l'Ucraina che partirà alle 19 da piazza Cesare Battisti.

«Si invitano i cittadini, le cittadine, gli studenti e le studentesse, le forze politiche e le associazioni di Corato a partecipare in segno di unione e solidarietà con la popolazione Ucraina, colpita dalla guerra» fa sapere il Comune. «Si informa, inoltre, che il punto di raccolta, allestito nel chiostro del Comune, a partire da oggi, sarà aperto la mattina dalle 10 alle 13 oltre che il pomeriggio dalle 16 alle 19.

«È una solidarietà tra città» afferma il sindaco Corrado De Benedittis. «Giovedì sera, Corato si ritrova in piazza per la Pace, in segno di solidarietà con tutte le città dell'Ucraina, dalle più piccole, alla capitale Kiev. L'invito a partecipare è rivolto a tutta la cittadinanza, alle forze politiche, alle associazioni, ai movimenti, ai giovani e alle giovani».

mercoledì 2 Marzo 2022

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Annalisa L.
Annalisa L.
3 mesi fa

Ma di quale pace parliamo? Ieri il Parlamento ha approvato l'invio di armi e quindi siamo in guerra. Quelli che fanno i pacifisti alla Gianni Morandi non lo sanno?

Trecarte
Trecarte
3 mesi fa

Quindi tutte le letterine scritte in decenni e decenni a Natale, Pasqua e Giorni della Memoria non sono servite a niente??? Nemmeno le canzoni di John Lennon e Yoko Ono??? Beh e allora facciamo sta marcia, magari poco dopo l'arrivo delle armi che abbiamo mandato lì.

Annalisa L.
Annalisa L.
3 mesi fa

Bisognerebbe cambiare le parole alla vecchia canzone pacifista: “mettete dei fiori nei NOSTRI cannoni” dato che tra un po' in guerra andranno i cannoni spediti dal Governo Italiano. Con qualche forzatura non da poco alla Costruzione.