Attualità

Piazzetta giocosa, ma non troppo: «È tornato il degrado. E la velostazione è ancora ferma»

La Redazione
In estate residenti e commercianti sollecitarono l'intervento degli organi competenti per mettere fine al degrado della pineta. L'area venne ripulita, ma ora la situazione sembra essere tornata quella di un tempo
8 commenti 2072

"Piazzetta giocosa", si legge su un cartello artigianale collocato vicino a una panchina. «Ma non troppo» aggiunge qualcuno che vive nella zona, scontento dello stato in cui versa quest'angolo della città. Torniamo a parlare della piazzetta compresa tra viale Diaz, via Ardigò, via Mercalli e via Bernini, nei pressi della stazione ferroviaria. Quella in cui è stata realizzata la velostazione, ovvero la struttura pensata per posteggiare e riparare biciclette.

Nell'estate scorsa residenti e commercianti sollecitarono l'intervento degli organi competenti per mettere fine allo stato di degrado della pineta – tra rifiuti ed escrementi animali – e anche della velostazione, ad oggi completa ma ancora del tutto ferma. Così, pochi giorni dopo la segnalazione, l'area venne ripulita, i lampioncini vennero rimessi in funzione e la recinzione del cantiere che ancora circondava la velostazione venne smontata.

«Oggi però – denuncia chi vive e lavora da quelle parti – la situazione sembra essere tornata quella di un tempo. Dopo aver auspicato un rilancio della pineta, abbiamo riscontrato un totale immobilismo da parte degli organi di competenza» dicono residenti e commercianti. «La velostazione è in stato d'abbandono, senza gestione e senza bando di affidamento. Nessuno da mesi se ne occupa e per questo è sporca e deteriorata. Anche il suolo attorno è nelle stesse condizioni in quanto nessuno si occupa della pulizia delle aiuole pubbliche. Pure i lampioncini sono quasi tutti fuori uso. Avevamo fatto i complimenti mesi fa, quando si era mosso qualcosa – concludono – ma poi tutto è finito lì. Chiediamo solo pulizia, ordine e soprattutto un gestore per quella desolata struttura».

Dopo l'avviso pubblico reso noto dal Comune nel 2020 per esplorare l’interesse degli operatori economici all’affidamento dell’attività, nell'intervista pubblicata nel dicembre scorso sull'ultimo numero de Lo Stradone, il sindaco De Benedittis aveva fatto sapere che per la velostazione si stava ipotizzando «una gestione condivisa tra Comune e Parco dell'alta Murgia. Partiremo a stretto giro con l’avviso pubblico – precisò il sindaco – per affidare la gestione della ciclofficina». Si attendono sviluppi.

venerdì 11 Febbraio 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
8 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Aldo
Aldo
4 mesi fa

Spegnete le luci sulle piazze e sui monumenti contro il caro bolletta!! Ah no… Quella è un'altra cosa…

fc
fc
4 mesi fa

Ripetiamo da tempo le stesse cose: rifiuti abbandonati e mai raccolti, strade dissestate, traffico impazzito e delle rarissime opere pubbliche realizzate, sicuramente la Velostazione non merita alcun commento per quanto è impresentabile, brutta e sporca. Aspettiamo che qualche assessore o dal Sindaco facciano qualche dichiarazione. #incapaci

Franco
Franco
4 mesi fa

Provate a passeggiare vicino alla velostazione, si sente una puzza di escrementi di animali è nessuno fa'nulla,poveri negozianti. Non è per niente igienico.

Tegame
Tegame
4 mesi fa

Giò cosa???

Aldo Davide Lastella
Aldo Davide Lastella
4 mesi fa

Quella piazzetta andava semplicemente ripulita e implementata l’illuminazione, con l’impegno da parte del comune di tenerla pulita con costanza(cosi anche per tutte le altre aree verdi e piazze); rimodernate le cabine per la sosta degli autobus ormai obsolete e consumate dal tempo e dagli incivili. Piuttosto che aver fatto quell’obbrobrio antiestetico e non funzionale. (Tenerla pulita significa anche effettuare tutta una serie di lavori per tenere rigogliosi e curati gli alberi).

saponetta
saponetta
4 mesi fa

posso dire una cosa? così saltando di palo in frasca? so che non c'entra molto ma la quercia più grande e poderose di piazza salvo d'acquisto, via giappone per intenderci, dove sta la statua di quello che si spoglia, la quercia più maestosa sta morendo, a causa di una infestazione di cocciniglia. è un albero meraviglioso, maestoso che d'estate regala ombra ai pensionati che si siedono alle panchine. vi prego non lasciatelo seccare. basterebbero poche irrorazioni per salvarlo. sarei anche disposta a pagarle di tasca mia. mi rivolgo alle istituzioni . se mi date l'ok procedo. grazie.

Uno Qualunque
Uno Qualunque
4 mesi fa

Con tutti i percettori di reddito di cittadinanza aivoglia a ripulire piazze e aiuole! Ahh l'italia! C fatic mang e c non fatic mang e vev!

Antonio Caputo
Antonio Caputo
4 mesi fa

Una delle opere piu brutte e inutili che il Comune di Corato sia riuscito a concepire e realizzare!