Attualità

Trading online: ecco dove si concentrano gli investimenti oggi

La Redazione
Nel 2021 gli investimenti si sono concentrati sul tech, le criptovalute, le materie prime e le azioni growth, tuttavia nel 2022 la situazione potrebbe cambiare
scrivi un commento 317

Nel 2021 gli investimenti si sono concentrati sul tech, le criptovalute, le materie prime e le azioni growth, tuttavia nel 2022 la situazione potrebbe cambiare. Nonostante la crescita degli investimenti sostenibili Goldman Sachs punta sul petrolio, soprattutto nell’ottica di lungo termine con orizzonti temporali fissati al 2023, infatti se per il prossimo anno è previsto un clima di incertezza e un possibile calo del prezzo nel 2023 la quotazione potrebbe superare i 110 dollari. Incertezza diffusa rimane per ora sul mercato delle criptovalute, infatti nonostante il 2021 sia stato un anno positivo è difficile prevedere l’andamento del settore crypto. Senza dubbio non mancheranno le opportunità, soprattutto in merito alle tecnologie legate alla finanza decentralizzata DeFi e alle piattaforme come Ethereum, soluzioni all-in-one sempre più apprezzate da utilizzatori di criptovalute e investitori. Per il mercato azionario molti analisti concordano nel riconoscere le potenzialità delle borse europee, infatti hanno tutte le carte in regola per performare meglio della borsa USA nel corso del 2022, soprattutto qualora le strategie di FED e BCE dovessero seguire direzioni diverse. Ovviamente permangono vari fattori di rischio, dalla recrudescenza del Covid-19 alle performance economiche stimate in rallentamento il prossimo anno, aspetti da valutare con attenzione per una corretta gestione del rischio.

Trading online: l’importanza della strategia e della pianificazione

Per fare trading online in modo efficace è essenziale avere una strategia e applicare soluzioni adeguate di risk management, per proteggere il capitale senza rinunciare alle opportunità offerte dai mercati finanziari. Innanzitutto, bisogna informarsi bene e aumentare le proprie conoscenze finanziarie avvalendosi del supporto di portali specializzati come E-conomy.it, sito sugli investimenti dove trovare news sempre aggiornate, guide e tante risorse utili per investire in modo consapevole.
Inoltre è importante potenziare le proprie competenze finanziarie, investendo prima di tutto nella buona formazione per essere in grado di investire in modo autonomo in maniera efficiente, con un approccio bilanciato nei confronti della gestione del capitale e del controllo del rischio. Naturalmente bisogna sempre partire dall’analisi tecnica e dall’analisi fondamentale, due attività indispensabili per pianificare una strategia d’investimento personalizzata e resiliente. Allo stesso tempo è necessario diversificare gli investimenti per minimizzare il rischio, investendo solo in settori e asset che si conoscono bene e imparando a gestire i fattori psicologici che possono spingere a commettere errori dettati dall’emotività. Un approccio cauto e informato permette di amministrare il capitale in maniera efficace, per sfruttare le potenzialità del post-Covid e limitare al massimo i rischi, individuando attraverso l’analisi finanziaria e lo studio dei fattori macroeconomici le migliori possibilità d’investimento.

I trend da monitorare per investire nel 2022

Negli ultimi due anni il SARS-CoV-2 ha cambiato completamente il contesto macroeconomico, causando diversi effetti a livello globale come l’accelerazione della transizione energetica e della trasformazione digitale. Con il graduale controllo del virus attraverso i vaccini la situazione mondiale sta lentamente cambiando, tuttavia rimangono dei trend da valutare per il 2022, in parte frutto delle conseguenze innescate dalla pandemia globale di Covid-19. Un primo aspetto è legato alla transizione climatica, con tutti i principali paesi impegnati nella trasformazione green dell’economia nel tentativo di contrastare il cambiamento climatico. Gli ingenti investimenti previsti per i prossimi anni assicureranno nuove opportunità per gli investimenti ESG, un settore in forte crescita dove però bisogna prestare attenzione al fenomeno del greenwashing, ovvero dell’ecologismo di facciata per mascherare investimenti che in realtà hanno poco di green.
Un altro trend è senz’altro la digitalizzazione, un processo che include il metaverso, il commercio elettronico, i pagamenti digitali, le tecnologie cloud, il gaming, la cybersecurity e molti altri sotto trend ad alto potenziale. Da non sottovalutare è il trend della silver economy, un settore poco conosciuto ancora oggi ma previsto in crescita esponenziale a causa dell’invecchiamento della popolazione, con una maggiore richiesta di servizi per gli over 65 che potrebbe aprire la strada a nuovi business e opportunità d’investimento.

Il cambiamento delle politiche monetarie delle banche centrali, invece, potrebbe favorire l’inversione del ciclo e sostenere nel 2022 i titoli value, in quanto le azioni growth potrebbero riscontrare difficoltà a mantenere il tasso di crescita registrato nel 2020/21. Infine occhi puntati anche sulle criptovalute, un mercato dinamico con tante possibilità per gli investitori, prestando comunque attenzione alla gestione del rischio e alla corretta asset allocation del portafoglio per non sbilanciarsi troppo su questo settore ad alta volatilità.

lunedì 3 Gennaio 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti