Attualità

Libera contro le Mafie sbarca a Corato con un presidio cittadino

La Redazione
Libera Contro le Mafie sbarca a Corato con un presidio cittadino
La referente è Claudia Pia Leo, con lei hanno sostenuto la causa sin dal primo momento Antonello Parziale, Camilla Checchia, Toni Tona, Nadia Santarelli, Angela Paganelli, Miriana Balducci, coordinati da Roberto Campanelli
2 commenti 303

Libera sbarca a Corato con un presidio cittadino. La rete di associazioni, cooperative sociali, movimenti e gruppi, scuole, sindacati, diocesi e parrocchie, gruppi scout che da anni si batte contro mafia, corruzione e illegalità ha costituito la sua unità sul nostro territorio il 22 dicembre. La referente è Claudia Pia Leo, con lei hanno sostenuto la causa sin dal primo momento Antonello Parziale, Camilla Checchia, Toni Tona, Nadia Santarelli, Angela Paganelli, Miriana Balducci, coordinati dal referente provinciale, Roberto Campanelli.

nn

«Il presidio nasce dopo quattro mesi di formazione – spiega Leo – affrontati anche in periodo di lockdown, da un nucleo di sostenitori che hanno deciso di sottoscrivere il patto di presidio, con annessi punti che ci impegniamo a rispettare come programma». Quest'ultimo prevede iniziative che coinvolgeranno scuole e cittadinanza. Per le scuole sono previsti percorsi formativi che aiuteranno a conoscere il fenomeno mafioso, Libera e i suoi progetti. Per la cittadinanza saranno organizzati eventi, campi estate liberi e momenti di aggregazione. È previsto anche il coinvolgimento delle associazioni presenti nel contesto cittadino.

n

giovedì 23 Dicembre 2021

(modifica il 2 Agosto 2022, 23:30)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Lenti ersilia
Lenti ersilia
7 mesi fa

Vorrebbe partecipare il mio compagno agli incontri da ex collaboratore di giustizia per revoca del programma di protezione per non aver voluto essere complice della mala giustizia. Lenti ersilia attuale compagna di nuzzi tommaso.

Franco
Franco
7 mesi fa

Il solito romanzo criminale da andare a raccontare in giro….