Attualità

Vaccini ai bambini, dal 16 dicembre via alle somministrazioni in scuole e studi pediatrici

La Redazione
«Dopo un confronto si è deciso di effettuare le vaccinazioni prevalentemente in orario extrascolastico, per non interrompere l'attività didattica e garantire una organizzazione ordinata e sicura» dichiara l'assessore Leo
2 commenti 773

«Siamo tutti al lavoro per avviare le vaccinazioni dei bambini di 5-11 anni dal 16 dicembre. Con la circolare emanata ieri, entriamo nel vivo di questa nuova fase della campagna vaccinale. In Puglia abbiamo scelto di effettuare queste somministrazioni negli studi pediatrici e nelle scuole. Massima attenzione la rivolgiamo ai bambini con fragilità che potranno vaccinarsi nei loro centri di cura, che provvederanno anche a contattare le famiglie, o ricevere la dose a domicilio. Abbiamo puntato su luoghi che per i bambini e i loro genitori sono familiari, sicuri e confortevoli. Ringrazio tutti coloro che da giorni sono al lavoro per garantire il migliore servizio per le famiglie e i loro piccoli. Pediatri e scuole, in sinergia con i dipartimenti di prevenzione delle Asl e la protezione civile regionale, stanno facendo un lavoro prezioso». Lo dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano con riferimento alla circolare firmata ieri insieme al direttore del Dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro.

«Con questa circolare abbiamo fornito a tutto il sistema sanitario le indicazioni operative in vista del 16 dicembre prossimo – dichiara il direttore Montanaro – vogliamo garantire alle fasce di popolazione in età pediatrica, dai 5 agli 11 anni, le migliori condizioni per effettuare la vaccinazione anticovid. Per queste attività sarà coinvolto personale sanitario già esperto nella vaccinazione dei bambini».

«Sono in costante contatto con l'Ufficio scolastico regionale e con la rete delle scuole pugliesi – dichiara l'assessore all'Istruzione Sebastiano Leo – dopo un approfondito confronto si è deciso di effettuare le vaccinazioni prevalentemente in orario extrascolastico, per non interrompere l'attività didattica e garantire una organizzazione ordinata e sicura. Il modello pugliese delle vaccinazioni "scuola per scuola" è stato efficace sia per gli studenti più grandi sia per i docenti e il personale. Per questa ragione abbiamo scelto di non cambiare formula».

giovedì 9 Dicembre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ss
Ss
6 mesi fa

Per far risalire i contagi…….Non sarebbe meglio hub vaccinali?La scelta della scuola mi sembra da criminali.Poi i bambini dovrebbero tornare a casa…….Una volta somministrato, capre!

Annalisa L.
Annalisa L.
6 mesi fa

Vaccini ai bambini? La cosa più incomprensibile è che a 11 anni e 11 mesi si faccia un terzo di dose Pfizer e un giorno dopo, a 12 anni, quella intera. Qualche risposta i pediatri devono darla ai genitori. E non solo a loro.