Attualità

Agricoltura senza manodopera: «A causa della pandemia si è fermato l’afflusso dall’estero»

La Redazione
«Dall'inizio della pandemia mancano migliaia di lavoratori, soprattutto perché si è fermato l'afflusso dall'estero, Est Europa in primis. Potrebbero lavorare nei campi tanti percettori di reddito di cittadinanza» afferma la CIA
8 commenti 2061

«La stagione è già in pieno corso ma, in molti casi, i raccolti restano a marcire nei campi, perché manca manodopera». È quanto afferma la CIA Agricoltori italiani della Puglia, secondo cui «dall’inizio della pandemia mancano in Puglia migliaia di lavoratori, soprattutto perché si è fermato l’afflusso dall’estero, Est Europa in primis. Nonostante i proclami della politica, ad oggi, a livello normativo si muove poco o nulla, seppure siano stati realizzati portali e app che cercano di far incontrare domanda e offerta tra mille difficoltà, ma niente che possa avere la portata di una normativa di emergenza di livello nazionale».

L’emergenza della manodopera nel settore agricolo è insostenibile per le imprese. «La situazione è prossima a diventare critica, agli agricoltori è stato detto di continuare a produrre, e continuiamo a farlo con responsabilità» afferma il presidente di CIA Agricoltori italiani della Puglia, Raffaele Carrabba. «Ma non riusciamo a reperire manodopera, manca il flusso dell’Est Europa e dai Paesi extracomunitari. E mancano tanti collaboratori ricorrenti, molti che vengono in Italia da anni e sono già formati e qualificati. Non so se a breve avremo risposte dall’Europa, soprattutto per utilizzare quei "corridoi verdi" che invece funzionano verso la Germania, per esempio. A chi solleva il tema dei salari, rispondo che non c’è differenza rispetto alla provenienza dei lavoratori, ovviamente: c’è un contratto nazionale che vale per tutti. Noi abbiamo chiesto anche di poter ricorrere a chi è in cassa integrazione o percepisce un reddito di cittadinanza, ma chiaramente per farlo serve un intervento di legge.

Milioni di giornate di lavoro stanno andando perse in agricoltura. Intanto nelle campagne marciscono i raccolti necessari a garantire le forniture alimentari alla popolazione. Occorre che siano varati al più presto strumenti più flessibili come i voucher per pensionati, studenti e cassaintegrati. Si sono accumulati forti ritardi nelle istruttorie delle richieste presentate con il Decreto emersione. Inoltre non è stato attuato il Decreto flussi. «La Puglia e più in generale l’Italia non hanno bisogno di posizioni ideologiche o di scorciatoie, ma di scelte pragmatiche per il bene del Paese, come quelle che riguardano l’agricoltura e la produzione alimentare». Parole, annunci, richieste, proposte. Tante. Ma ora servono i provvedimenti.

venerdì 5 Novembre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
8 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Luigi Murgiano
Luigi Murgiano
7 mesi fa

Ma come? Ci sono le migliaia di coratini che muoiono di fame che conosce l'utente C.M!!! “La grassa è assai” diceva mia nonna. E le chiacchiere sono troppe, dico io…

Felice
Felice
7 mesi fa

Perche parlate solo di mancanza di manodopera? E vero che manca la manodopera ….ma e anche vero ke se andiamo avanti in queste condizioni …cioe' e tutto in aumento tranne la produzione….qui andrà tutto in fase di abbandono…..

bau
bau
7 mesi fa

Buongiorno sl cerca personale dall'estero perché lavorano come i dannati assumete chi percepisce il rdc in Italia fateli un contratto regolare con tutte le giornate né che lavoro 3 mesi e alla fine se ne trova 1

Pier Luigi
Pier Luigi
7 mesi fa

Altro che la miseria della cassa integrazione o del reddito di cittadinanza, fatevele due domande allora.

io
io
7 mesi fa

quindi il problema è non poter “sfruttare” lavoratori extracomunitari 10 ore al giorno, che dormono disperati in baraccopoli senza acqua e cibo, al soldo di produttori altrettanto sfruttati da commercianti che a loro volta vendono in gare al ribasso imposte dalla distribuzione moderna che ……..è l'unica che realizza profitti.
se possibile, acquistate prodotti che certificano la giusta retribuzione di tutta la filiera.
E' l'unico modo per salvaguardare l'economia, quella SANA!

Franco
Franco
7 mesi fa

È l'effetto del Green Pass che non si può avere con vaccini diversi da quelli italiani (Pfizer etc) ma nessuno vuole dirlo.

luigi calvo
luigi calvo
7 mesi fa

l'Italia in generale è diventato il paese del SAILAMENTA, manca la mano d'opera straniera perchè è prerogativa di “specializzazione” o di speculazione forse questo vuole agevolare l'immigrazione, state elargendo il Reddito di Cittadinanza ma la conoscete la normativa perchè non la applicate?

Aldo
Aldo
7 mesi fa

Io, più passa il tempo, più rimango senza parole… Ma ci rendiamo conto della gravità delle parole con cui viene denunciata la questione? Causa pandemia, green pass, vaccino non Pfizer o robba del genere manca la manodopera dell'est?! Ho capito bene ..? Manca la manodopera dell'est?! Ma stiamo parlando sul serio o volete che tutto vada a rotoli?! Anziché impegnarsi a chiedere di eliminare del tutto il reddito di cittadinanza, chiaro slogan di sinistra, che non fa altro che riempire i club di gentaglia che sfoggia la propria abilità nel giocare a carte e tracannare birra, dalla mattina alla sera, aumentando l'ozio e la paralisi del lavoro manuale, qui chiediamo favoritismi nel fare accedere la manodopera dell'est… Ma stiamo non alla frutta… Allo sfascio più completo… Senza parole…