Attualità

«Più polizia locale, Esercito e prevenzione»: le proposte della commissione sicurezza

La Redazione
Ieri il sindaco De Benedittis ha fatto il punto della situazione: «In questi mesi abbiamo lavorato incessantemente, in concertazione con prefettura, questura, forze dell'ordine e sindacati»
16 commenti 2644

Dopo i recenti fatti di cronaca e di microcriminalità, il Prefetto ha convocato per domani – su sollecitazione del sindaco De Benedittis – il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. Nel frattempo, ieri pomeriggio, si è riunita la commissione sicurezza proprio per discutere una questione che negli ultimi giorni è diventata rovente. Non ci si confrontava sull'argomento dal marzo scorso.

È stato De Benedittis a illustrare lo stato dell'arte e a riepilogare cosa è accaduto in questi mesi. Il primo incontro con il Prefetto Bellomo è avvenuto a febbraio, a seguito del doppio accoltellamento in piazza Venezuela. Da quella riunione emerse che la situazione era sotto controllo. Il secondo incontro, a giugno, si tenne dopo l'escalation di risse in piazza Di Vagno e nelle stradine adiacenti. Da quel momento l'ombelico della movida coratina è stato presidiato nelle ore notturne da reparti speciali di Polizia e Carabinieri, congiuntamente alla polizia locale, fino alla fine di agosto. «Grazie all'intervento delle forze dell'ordine il fenomeno è andato scemando e abbiamo vissuto un'estate tranquilla» ha detto De Benedittis, ricordando anche l'assunzione sia a tempo indeterminato che determinato, di nuovi agenti della polizia locale. Da settembre il tema sicurezza è tornato ad occupare le pagine dei giornali ed è stato di nuovo sollecitato il Prefetto che, come detto, ha convocato il Comitato per domani. «In questi mesi abbiamo lavorato incessantemente – ha sottolineato De Benedittis – in concertazione con prefettura, questura, forze dell'ordine e sindacati. Oltre agli episodi noti, c'è un problema di malavita nascosta. La Digos dice che sono in corso delle indagini che presto daranno risultati significativi».

I consiglieri di maggioranza e opposizione presenti (il presidente Pisicchio, poi Bucci, Arsale, Valente, Malcangi, Avella, Mastrodonato, Michele e Vito Bovino e Addario) hanno messo sul piatto alcuni suggerimenti per fronteggiare il problema, alcuni già esposti nella commissione del marzo scorso, come ad esempio l'opportunità di coinvolgere gli istituti di vigilanza privati. «In realtà il questore ha fortemente consigliato di non demandare agli istituti privati che hanno una mission e delle competenze diverse» ha specificato il sindaco. «Noi abbiamo seguito l'orientamento voluto da prefettura e questura».

Il consigliere del Pd, Aldo Addario, ha proposto di lavorare sulla prevenzione del fenomeno, magari con l'istituzione di figure specifiche che possano intercettare i soggetti più difficili durante il loro percorso scolastico per strapparli dalla delinquenza. «Vanno responsabilizzati i genitori di questi ragazzi – ha commentato Arsale – e su questo devono lavorare gli organi preposti creando percorsi alternativi. In generale il problema non va ingigantito, va studiato e contestualizzato con i numeri per poter dare soluzioni concrete».

Graziella Valente dell'Udc, invece, ha chiesto se fosse possibile far intervenire l'Esercito. «Me ne farò portavoce – ha commentato De Benedittis – ma mi spiegavano che nella maggior parte dei casi i militari svolgono solo servizio statico e non potrebbero intervenire». Bucci di Direzione Corato ha chiesto più riunioni di commissione per essere maggiormente aggiornati, mentre Mastrodonato di Forza Italia ha proposto un'azione mirata che coinvolga forze dell'ordine e istituti di vigilanza privata, come avvenuto a Terlizzi con i furti ai danni dei florovivaisti.

Diverse le proposte di potenziamento della polizia locale, a cominciare dalla possibilità di impiegare unità per il servizio a piedi. «Se ci sarà disponibilità in graduatoria assumeremo altri 5 agenti», ha detto il primo cittadino. «Inoltre vorremmo ripristinare gli agenti in motocicletta e sto formalizzando al comandante Loiodice la richiesta di attivazione di un servizio notturno in borghese con funzione ispettiva e di indagine». «Il servizio notturno si fa parlando coi sindacati, chiedendo la disponibilità degli agenti, lavorando a fianco delle altre forze dell'ordine – ha ribattuto Vito Bovino – e non è una cosa così semplice. Rimango dell'idea che sulla polizia locale bisogna investire seriamente con soldi, uomini, mezzi, straordinari. Chiediamo che venga fatto il massimo sforzo, anche battendo maggiormente i pugni sul tavolo con le istituzioni per avere più uomini». Domani, in consiglio comunale, la questione sicurezza terrà certamente ancora banco.

mercoledì 20 Ottobre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
16 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Michele C
Michele C
8 mesi fa

Le forze dell'ordine e la polizia locale dovrebbero essere d'accordo a svolgere il servizio notturno, l'ordine e la sicurezza del cittadino sono la loro mission… altrimenti penserei che per qualcuno sia solo “il posto fisso”

Gino
Gino
8 mesi fa

E meno male che in questi ultimi mesi il sindaco e la commissione sicurezza hanno lavorato incessantemente….
Figuriamo se non avessero lavorato!
Ma per piacere…..

Franco
Franco
8 mesi fa

Vigili in borghese con funzione ispettiva notturna? Cioè? Multe di notte?

nerdrum
nerdrum
8 mesi fa

brainstorming, così si chiama. tante idee, confuse, contraddittorie, alcune balzane (esercito) altre bislacche (figure specifiche). pattuglie servono, ma nn di giovani vigili urbani a tempo determinato, che si spaventano solo se alzi la voce. qualcuno dovrebbe ricordare cosa sono stati x noi i vari tarantini, quercia, di pietro, bovino… gente con le p.

Ss
Ss
8 mesi fa

Non andrà mai niente bene ai castori. Loro vogliono che il sindaco indossi l'armatura e vada a scovare i delinquenti. Qualsiasi altra soluzione sarà sempre criticata. Vivono in un mondo tutto loro…

carluccio mazzilli
carluccio mazzilli
8 mesi fa

mooo prooooprj … i sindacati di polizia municipale … mooo proooprj si metterenno a disposizione … sì sì sì , subito … anzi, se guardate alla finestra già li potreste vedere i vigii urbani, capitanati dai loro sindacalisti a fare ronde diurne, notturne, mattutine, pomeridiane, serali, serotine, antelucane e postprandiali …

carluccio mazzilli
carluccio mazzilli
8 mesi fa

mooo prooooprj … i sindacati di polizia municipale … mooo proooprj si metterenno a disposizione … sì sì sì , subito … anzi, se guardate alla finestra già li potreste vedere i vigii urbani, capitanati dai loro sindacalisti a fare ronde diurne, notturne, mattutine, pomeridiane, serali, serotine, antelucane e postprandiali …

Marco
Marco
8 mesi fa

Chi è stato addestrato solo a fare le multe è difficile che poi si riconverta all'ordine pubblico, che comunque non è suo compito.

G. R.
G. R.
8 mesi fa

Facciamo un po’ di chiarezza. Presidi fissi notturni sono stati solo di facciata e nulla più. Inoltre l’idea del coinvolgimento degli istituti di vigilanza è solo fantasia. Non possono ammanettare nessuno, non hanno lo status di UPG e non possono identificare nessuno. Inoltre sono pagati per vigilare attività lavorative e abitazioni di “abbonati” non sedare risse o inseguire ragazzi scalmanati. Gli stessi Vigili non hanno tutti la qualifica di UPG e pertanto è sempre richiesto l’intervento delle forze di Polizia. Bene la nuova introduzione di pattuglie di Polizia Locale motomontate; via le vecchie Guzzi e gli scooter buttati al deposito Asipu. Più Polizia Sindaco domani dal Prefetto batti i pugni sul tavolo.

X corato
X corato
8 mesi fa

Beh sinceramente l’esercito non sarebbe male smuoverlo un po’ piuttosto che poltrire e giocare in caserma..non siamo certo a Roma che l’esercito è veramente impegnato..la vigilanza privata già da il suo contributo..ci vogliono poliziotti e carabinieri!! E la municipale anziché scrivere a più non posso andasse in giro a piedi nei vicoli e quant’altro. Sappiamo tutti le zone di spaccio ecc ecc..basta volerlo

Antonio.m
Antonio.m
8 mesi fa

A chiacchiere andiamo forte….

Angela  Mazzilli Ventura-Corato
Angela Mazzilli Ventura-Corato
8 mesi fa

Ha ragione Cataldo Bucci… “il brainstorming è proprio tutt'altra cosa”… a volte, nel dubbio, sarebbe più opportuno tacere.

Maria P.
Maria P.
8 mesi fa

Poi magari col tempo ci spiegheranno a che serve schierare tutte queste forze se poi le pene sono irrisorie. Fatica inutile.

nerdrum
nerdrum
8 mesi fa

angela mazzilli ventura – corato lo spieghi lei o il prof. bucci a me ed al popolo ignorante cos'è il brainstorming, magari riacquisto il diritto di parola.

Franco
Franco
8 mesi fa

Non serve militarizzare inutilmente un paese, basterebbe che le sanzioni fossero efficaci. E tutti capirebbero.

Balducci G.
Balducci G.
8 mesi fa

Nerdrum… torna a scuola che è molto meglio… ????