Politica

«Molto male», Direzione Corato analizza un anno di amministrazione De Benedittis

La Redazione
Tanti i temi toccati: dalle scuole alle strade, dalla sicurezza ai rapporti con la Città Metropolitana
16 commenti 4249

Con una lunga lettera, Direzione Corato tira le somme dopo un anno di amministrazione De Benedittis. «È passato un anno dalle elezioni nel nostro Comune» scrive il partito. «È arrivato il tempo di fare un primo bilancio della azione della nuova amministrazione, che si è autodefinita “del cambiamento” e “della rivoluzione gentile”. È difficile, per l’opposizione ma anche per il semplice cittadino, valutare questo operato, poiché, oltre a selfies autocelebrativi sulle piccole azioni quotidiane, ci troviamo di fronte ad una amministrazione che non ha prodotto nulladi significativo per la crescita della nostra città. Direzione Corato ha più volte tentato di proporre azioni, correggere gli errori che si perpetuavano nel tempo, ma da lassù non ci hanno voluto ascoltare, barricati nella loro inaccessibile torre d’avorio».

«Che fine ha fatto la tanto sbandierata trasparenza? Quali atti amministrativi hanno portato vantaggi alla città? Dov’è finita la progettualità a breve e lungo termine, che avrebbe reso la città meravigliosa? Come si è contrastato il degrado, la criminalità crescente, il senso di abbandono dei cittadini? Nulla, appunto. Tante le storture, gli inadempimenti, le azioni dubbie, gli errori amministrativi. Abbiamo provato, non senza difficoltà, a selezionarne qualcuno tra quelli già segnalati durante questo anno con i nostri interventi in consiglio comunale, con i comunicati stampa e i post sui social. Di seguito un breve elenco, che potrebbe essere ampiamente arricchito con tanti altri errori e mancanze di questa amministrazione»

«Situazione scuole: aule ancora da trovare, lavori ancora da fare, aumenti dei costi di trasporto scolastico e mensa, che penalizzano duramente famiglie anche con solo 5.000 euro di Isee, in aperto contrasto con le politiche nazionali ed europee e con quanto proclamato in campagna elettorale, e senza che ce ne fosse bisogno, stante il bilancio solido e florido che avevano lasciato le precedenti amministrazioni; assenza della manutenzione stradale: la Regione ha elargito 1.051.000 euro per queste opere ma, ad oggi, non c'è traccia di un'idea su come spenderli, nonostante ci siano scadenze da rispettare e un progetto esecutivo da presentare; mancanza di un Piano Straordinario per la sicurezza, di cui pure il sindaco aveva parlato in campagna elettorale. Era “tutto sotto controllo”, si trattava, a dire del Sindaco, di singoli episodi di microcriminalità, per poi, con grave ritardo, ricredersi tanto da scrivere al Prefetto e andare a trovare il Sottosegretario agli Interni. Nel frattempo, gli episodi di microcriminalità sono dilagati e la sensazione di disagio, il degrado della città e il malessere dei cittadini è aumentato esponenzialmente; nessuna traccia del progetto di rimodulazione del rischio idrogeologico, molto importante per gli ampliamenti nella zona industriale.

Gravi conflitti d'interesse nella delibera di affidamento del palazzetto alle società sportive; stato di degrado assoluto del cimitero</strong>; stesura degli atti pubblici errata e spesso invalidante; nessun aiuto concreto ai commercianti in crisi a causa del Covid. Direzione Corato aveva proposto alcune procedure operative a sostegno di queste categorie, e segnalato iniziative di altri Comuni. Tutto ovviamente rimasto inascoltato; illegitimità nell’approvazione del bilancio di previsione, evidenziata durante i vari consigli comunali dal nostro consigliere Salerno. Sull'argomento è pendente un ricorso al TAR; esiguità dei fondi in bilancio per la cultura; scarsa considerazione da parte della Città Metropolitana, che ha elargito per Corato solo 1.200.000 euro, una cifra proporzionalmente bassissima rispetto ai fondi destinati alle altre città; scarsa attenzione ai bandi regionali e nazionali, che avrebbero potuto portare nuove risorse per la crescita della città. Molti fondi sono andati persi, perché non si sono presentate domande complete o credibili; nessun riscontro relativamente alle diverse opere pubbliche progettate e finanziate dalle precedenti amministrazioni: Corso Garibaldi, ex Liceo, Belvedere, ecc.; nessuna informazione sul teatro, desolatamente chiuso. Non c'è traccia delle consulte, del Forum dei Giovani, del Consiglio Comunale dei Ragazzi».

«L’amministrazione, più volte interpellata, non ha mai dato risposte a queste sollecitazioni. In nessun caso c'è stato ascolto, confronto, condivisione; nessuna trasparenza. L'illusione del palazzo di vetro è svanita ben presto, come le promesse sul Cinema Elia: passate le elezioni, tutto è andato nel dimenticatoio. L’importante, adesso, è stare al potere, noncuranti delle difficoltà e delle problematiche non solo dei cittadini, ma anche dei consiglieri e degli assessori, colpevolmente lasciati al loro destino. Nel frattempo, dopo aver sprecato centinaia di migliaia di euro in mini-affidamenti da meno di 40.000 euro, così da eludere le norme sugli appalti, le strade ed il verde pubblico, cavalli di battaglia della campagna elettorale, sono nello stato in cui erano prima, se non peggio. Qualcuno ha notizie dell’azienda di Bergamo? Di fatto, un anno perso, ed a quanto pare, dalle dichiarazioni del sindaco, dovremo perderne ancora altri, per colpa di una amministrazione inefficiente ed inconcludente. Corato sta perdendo finanziamenti, possibilità, credibilità. E temiamo che se la gestione della cosa pubblica continuerà in questo modo, i danni diventeranno irreversibili. Buon anniversario, Corato… Direzione Corato è da sempre attenta alle esigenze dei cittadini, e si è proposta e si proporrà sempre come forza propositiva, propulsiva e costruttiva».

lunedì 18 Ottobre 2021

Notifiche
Notifica di
guest
16 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
antonio caputo
antonio caputo
8 mesi fa

…………in effetti non si e' visto moltissimo rispetto ad un anno fa, anzi!!. Non voglio usare la parola DELUSO ma…………siamo sulla strada giusta. Eppure confesso di averlo votato e sostenuto. Comincio a pentirmene e chiedo scusa ai Coratini

Mario 62
Mario 62
8 mesi fa

Se ho capito bene Direzione Italia è per caso il partito ubicato vicino alla Montagnola? Questo articolo non fa altro che spiegare che siete tutti uguali. Quando si sta dall’altra parte si trova sempre qualcosa che non va , ora vi lamentate ma dimenticate che un sindaco e non faccio nome e cognome lo avete fatto fuori voi . Ora non sappiamo come potevamo stare con quel signore e quella amministrazione.

Aldo
Aldo
8 mesi fa

La gatta frettolosa… etc..etc…. Non abbiate premura… Se è stato detto che i primi risultati si vedono dopo due anni e mezzo (non si sa da quando parti questi termine…) aspettiamo un altro anno e mezzo e vediamo… Ahivoglia a quanti altri “spettacoli” assisteremo in questo periodo: altre fiamme lungo le vie della città, altri bulli che spadroneggiano in barba alle (poche…) forze dell'ordine, altri allagamenti cittadini quando piove, e non voglio dilungarmi… Poi allo scoccare dei due anni e mezzo voilà, tutto si risolverà come in un incantesimo: Corato avrà strade pulite e prive di buche, intanto amati fuochi pirotecnici saranno un lontano ricordo, la criminalità si ritirerà nelle tenebre da cui ha avuto origine… Su forza, un altro anno e mezzo…

Gino
Gino
8 mesi fa

Questa Amministrazione voleva cambiare il modo di fare, ma il modo di fare ha cambiato loro…

Ss
Ss
8 mesi fa

Ovvio come il Professore De Benedittis,nessuno a parte Perrone puo’prendere in mano la situazione.Servono menti imprenditoriali.Se non e’Perrone ,qualsiasi altra persona che possa smuovere le cose.sa’tanto abbiamo capito che in Italia,funziona così.Non mi interessa la politica ,mi interessa vedere il paese in cui vivo ,VIVO!!!!!!!!!!!Personalmente la mia scheda elettorale e’finita nel cestino della carta!

Vincenzo
Vincenzo
8 mesi fa

Questa squadra non può fare la promozione ,bisogna fare nuovi acquisti

Ss
Ss
8 mesi fa

Firmato: quelli che hanno tenuto Corato in ostaggio dei bisticci familiari per 10 anni

nerdrum
nerdrum
8 mesi fa

coratini ponetevi questa domanda. che città hanno lasciato in eredità direzione italia e compagnia bella a questa amministrazione? tutto quello che denunciano come nn fatto, è stato il loro lascito testamentario. oggi millantando capacità di cui nn c'è stata traccia in passato si permettono di fare scuola. la politica è x le facce di c.

ARES
ARES
8 mesi fa

Non avete limiti alla vergogna?
Il partito personale Direzione Corato è responsabile di
1) avete fatto cadere 3 sindaci. Bucci,
Mazzilli e D'Introno
2) avete provocato 3
commissariamento Prefettizi
3) danni per Palazzo Gioia ecc. ecc.
4) mancate assunzioni di vigili urbani
e personale amministrativo
Adesso osate pretendere che dopo un anno tutti gli errori dovuti al vostro comportamento siano risolti?
Il vostro silenzio vi onorerebbe

Pier Luigi
Pier Luigi
8 mesi fa

Il mandato di un'amministrazione comunale dura cinque anni, arco temporale in cui dovrebbe essere guidicata una Giunta; per quanto Direzione Corato rimanete pure all'opposizione, che vi abbiamo già giudicati abbastanza negli scorsi anni.

Antonio.
Antonio.
8 mesi fa

Meglio che si demette questo professore

michele tarantini
michele tarantini
8 mesi fa

“Le dimissioni. «Questa mia decisione, maturata durante la notte, ha ricevuto un ulteriore conforto perché la mattina seguente il segretario generale il quale diceva che non si potevano non discutere i punti, una cosa contraria rispetto a quello che avevo sentito la sera prima. Per questo motivo ho deciso di dimettermi perché le pressioni sui nomi sono cose che non tollero, non sono un burattino, non sono una persona che si convince facilmente. Sono una persona che crede nel mandato ricevuto dalle persone e le persone non sono le segreterie. Era l'unico modo per rimettere in discussione un percorso politico, per poter dire: “Stiamo andando da una parte che non ci porta a niente”. CIT. EX SINDACO D'INTRONO coratolive del 16 settembre 2019″
Buonasera, ai coratini piace la gente cosi'.

Mest Catal
Mest Catal
8 mesi fa

Per esprimere un giudizio obiettivo bisogna pure considerare la situazione assurda con tutti i relativi problemi da risolvere che il sindaco e l'amministrazione si sono trovati ad affrontare dopo anni di vuoto. Bisogna pure aggiungere che si è operato in un contesto generale molto difficile per il covid. Comunque è ridicolo leggere l'analisi fatta dal partito il cui principale rappresentante non si è mai presentato in consiglio comunale e che secondo alcuni avrebbe le conoscenze giuste per risolvere qualunque tipo di problema. Detto ciò è auspicabile che il sindaco e alcuni elementi della nuova amministrazione si diano una mossa lasciando perdere il troppo buonismo e agendo con più decisione e fermezza.

Carmine Patruno
Carmine Patruno
8 mesi fa

Non ho letto un solo commento che argomenti sui dati e fatti citati nel post, oltre la pessima abitudine di nascondersi dietro pseudonimi, segno che, forse, ci si vergogna di quello che si dice.

G. R.
G. R.
8 mesi fa

È vero che i bilanci di devono tirare a fine esercizio, ma è pur vero che bisogna iniziare. Questa rivoluzione gentile lo è talmente tale che è più piatta di un tracciato cardiaco che attesta il decesso di un infermo. Una su tutte un incontro con l’AIC dal quale di esce con un cercheremo di trovare soluzioni ai problemi: basterebbe solo prendere l’auto e capire che vanno SUBITO asfaltate Via Francavilla e Via Varderuolo per rendere immediatamente migliori le condizioni della zona industriale, lampioni a led e video sorveglianza. Già questo risolverebbe i problemi di una zona, ma si sta al chiuso e la città non si conosce. Il ponte di Via Castel del Monte non viene “pulito” dalla vegetazione spontanea. Via Castel del Monte e Via San Magno carenti di segnaletica orizzontale.

Luigi Murgiano
Luigi Murgiano
8 mesi fa

Ma i competenti sarebbero quelli che non sono nemmeno riusciti a formare la giunta?