Politica

Nuova Umanità chiede le dimissioni dell’assessore Buonsante: «La politica non va fatta sui social»

La Redazione
Vito Bovino
Secondo il movimento, l'assessore avrebbe dovuto utilizzare gli strumenti di partecipazione e condivisione previsti dallo statuto comunale per l'organizzazione del concorso "Corato, la mia città immaginifica"
10 commenti 2790

Nuova Umanità chiede le dimissioni dell'assessore alla città internazionale e cultura giovanile, Federica Buonsante. Secondo il movimento guidato da Vito Bovino, l'assessore avrebbe dovuto utilizzare gli strumenti di partecipazione e condivisione previsti dallo statuto comunale per l'organizzazione del concorso – organizzato dal Comune – che prevede la creazione di poster sul tema "Futuro prossimo". 

nn

«La Nuova Umanità ha sempre sostenuto la necessità di un cambiamento, – commenta il movimento affidandosi ad una nota stampa – anche inteso come maggiore ed effettiva partecipazione delle cittadine e dei cittadini. Tuttavia, ancora una volta, ci ritroviamo a prendere atto, nei commenti che hanno seguito un post pubblicato sulla pagina Facebook del Comune di Corato, che si stanno "sperimentando forme di partecipazione alternative".

nn

A scrivere non è una semplice cittadina ma l'assessore alle politiche giovanili Buonsante, che precisa "Abbiamo organizzato degli incontri, c'è un gruppo whatsapp per le discussioni, ne abbiamo parlato negli incontri precedenti. A quali forme nuove di partecipazione l'assessore fa riferimento? Eppure non ci risulta che lo statuto comunale vigente nel comune di Corato preveda queste forme di partecipazione riservate a taluni piuttosto che ad altri. Il nostro statuto dedica il titolo III al "decentramento e partecipazione", specificando e disciplinando al capo II gli Istituti di Partecipazione – art.48 partecipazione popolare, 51 Riunioni e assemblee, art 53 Consulte.

nn

Se è vero che, citando sempre l'assessore, "la città del futuro che si immagina è quella che non interpreta ogni azione politica con la logica dello sfruttamento delle risorse pubbliche ma come un'opportunità per creare insieme con quello che c'è a disposizione" perché non considerare come un'opportunità gli strumenti di partecipazione e condivisione previsti dal nostro statuto comunale? Perché non attingere a forme di vera democrazia partecipata, non riservate ai soli amici degli amici ma aperte veramente a tutti?

nn

Stigmatizzando questo comportamento, il nostro gruppo politico chiede le dimissioni dell'assessore alle politiche giovanili. Non è questa la politica del cambiamento, quella fatta dalle pagine dei social. La vera politica del cambiamento si pensa, si scrive e si realizza nei luoghi istituzionali e con gli strumenti istituzionali».

n

mercoledì 4 Agosto 2021

(modifica il 3 Agosto 2022, 4:56)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
10 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
fc
fc
1 anno fa

L'Amministrazione è social. Il problema che è solo social, selfie e chiacchiere a volontà. Mentre la città affonda nella totale indifferenza di tutti, opposizione compresa.

Michele Strippoli
Michele Strippoli
1 anno fa

Trasparenza e partecipazione …

Gianna
Gianna
1 anno fa

Mettono i ragazzini e le ragazzine a fare gli Assessori. Ma per piacere…

Ctarrixone
Ctarrixone
1 anno fa

Pia illusione quella del cambiamento!
Forse si stava meglio quando si stava peggio! Mah????

Dubbiosa
Dubbiosa
1 anno fa

Oramai TUTTO è social …. che tristezza, che solitudine, che illusione di esistere… invece coi social , tutto è finto, inesistente, irreale, fittizio, astratto …. depressione assicurata, fidatevi …

Mario Ferrante
Mario
1 anno fa

Ma quale nuova umanità? Nuovi da fuori e vecchi di dentro!
Una volta tanto che a Corato vengono fatte cosa carine, che magari daranno colore alla nostra Città, voi che fate? Vi attaccate ai cavilli!
Ditelo chiaramente che della Città e del Suo bene non vi interessa nulla! L'unica cosa che per voi conta sono le poltrone!
Mi dispiace solo che questa Amministrazione debba combattere ogni giorno con un'opposizionuncola intellettualmente e culturalmente misera.

Velo pietoso per chi si lamenta che Corato abbia – finalmente! – un'amministrazione composta in larga parte da giovani. Non merita alcun commento.

Mario 62
Mario 62
1 anno fa

Non è meglio non commentare così non si dicono queste stupidità.

Mic
Mic
1 anno fa

Forza vito questi ci prendono in giro

Deluso
Deluso
1 anno fa

Se qualcuno mi chiedesse cosa vorrei in questo momento per la tua città risponderei: Ridatemi il mio voto indietro. Città a dir poco immobile.

Dara Lunarelli
Dara Lunarelli
1 anno fa

Visto che volete ritornare a vent'anni fa perché non pensate anche a disinstallare tutti i social a cui siete iscritti (anche con più account) e ripristinare la REALTÀ??? Sapete puntare il dito ma se ci fate caso siete tutti fatti della stessa pasta.