GustoJazz

Cesare Dell’Anna e Girodibanda illuminano la cassarmonica di piazza Cesare Battisti

Angela Iannone
Cesare Dell'Anna e Girodibanda illuminano la cassarmonica di piazza Cesare Battisti
Con GirodiBanda Cesare Dell'Anna realizza il sogno di riunire nella stessa cassarmonica il folk delle balere e degli altoparlanti dei venditori ambulanti
2 commenti 937

Si presenta come un tripudio di emozioni, come un inno alla bellezza della vita e alla musica il terzo appuntamento con Gusto Jazz, che vede protagonisti della serata i briosi Girodibanda. ,

nn

La serata si è aperta con un reading dell’attrice coratina Claudia Lerro, che emoziona e commuove il pubblico leggendo e interpretando mirabilmente la storia di Antonio Ferrara, detto Totonno, una delle figure emblematiche nella storia della Banda di Corato. Ferrara era anche e soprattutto un uomo semplice che sognava di vivere di musica. E infatti diventò una figura di riferimento e rappresentativa per la nostra banda.

nn

Successivamente, lo spettacolo è continuato con una rocambolesca irruzione della banda preceduta da alcuni artisti di strada, tra cui trampolieri e sputafuoco che accompagnano i musicisti alla cassarmonica in piazza Cesare Battisti. Da quel momento, la cassarmonica coratina è diventata un universo parallelo, dove gli artisti hanno catturato gli spettatori in un mondo che non conosce confini, che ha evidenziato la passione per il mondo delle bande, l’umiltà e la riverenza per il mondo e la musica classica, prendendosi il rischio della sperimentazione e lasciandosi contaminare dal mare e dalla terra, dalle culture e dagli stili. Girodibanda ha dato vita ad una poetica di gesti imparati e trasmessi ai suoi spettatori, senza poter mettere in piedi un teatro, anzi il vissuto culturale della gente del Sud si accomuna a tutti i Sud del mondo.

nn

Con GirodiBanda Cesare Dell’Anna realizza il sogno di riunire nella stessa cassarmonica il folk delle balere e degli altoparlanti dei venditori ambulanti, la pizzica e la tradizione del canto dei nostri nonni, le sonorità dei Balcani che risuonavano dalle emottenti albanesi nelle radio dei nostri padri mentre andavano al lavoro in fabbrica, i campi rom e le feste gipsy, gli africani e le loro feste etniche, il jazz e gli studi del conservatorio. Il tutto diventa un cocktail variopinto a spunti di improvvisazione e arrangiamenti per organico bandistico.

nn

Per questo la cassarmonica, il palco per eccellenza di questo incredibile connubio di culture, si trasforma in un caleidoscopio nel quale si incontrano musicisti provenienti da più regioni del Meridione e dell’Albania, Romania e Senegal che eseguono marce sinfoniche classiche del repertorio bandistico e composizioni inedite. 

n

sabato 24 Luglio 2021

(modifica il 3 Agosto 2022, 5:18)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Franco fra
Franco fra
1 anno fa

Tutti assembrati i miei complimenti. E i contagi salgono

Franco fra
Franco fra
1 anno fa

Era proprio così necessario questo evento. Senza mascherina. Vai con i contagi