Attualità

Vaccini nei luoghi di lavoro, attiva l’adesione per le aziende

La Redazione
Le aziende invieranno agli Spesal competenti delle Asl il piano delle vaccinazioni. Gli Spesal contatteranno le aziende per le valutazioni del caso
2 commenti 990

Sul sito www.lapugliativaccina.regione.puglia.it è attiva l’adesione per le aziende per avviare i piani di vaccinazione anti Covid nei luoghi di lavoro. Le aziende pugliesi che vorranno aderire alla campagna vaccinale anti covid nei luoghi di lavoro potranno, compilando un modulo con la dichiarazione del medico competente e inviandolo per la valutazione alla Asl di riferimento, avviare il piano aziendale per la vaccinazione.

Il piano infatti deve indicare le modalità di organizzazione della somministrazione, con le prescrizioni su segnalazione del punto vaccinale, gli spazi dedicati e idonei, con aree per l’accesso scaglionato e per l’osservazione post vaccino. Nel piano ci sarà il riferimento alle risorse strumentali e di personale addetto, conformi alla normativa.

Le aziende invieranno agli Spesal competenti delle Asl il piano delle vaccinazioni, agli indirizzi email presenti sul sito www.sanita.puglia.it/vaccinazione-nei-luoghi-di-lavoro. Gli Spesal contatteranno le aziende per le valutazioni del caso.

«L’obiettivo – spiega l’assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco – è garantire la vaccinazione non solo ai dipendenti delle aziende che aderiscono alle associazioni di categoria firmatarie del protocollo, ma raggiungere ogni impresa, piccola o grande, che vorrà attivarsi in tal senso. Le aziende saranno ricontattate in base alla disponibilità di vaccini e secondo priorità che saranno stabilite dalla cabina di regia dopo la ricognizione delle istanze pervenute».

«Procedere in maniera spedita alle vaccinazioni dei dipendenti di tutte le nostre imprese, incluse quelle di piccolissime dimensioni, è una notizia che va nella direzione della ripartenza che tutti aspettiamo» conclude l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci. «Far ripartire l’economia significa anche tutelare la salute dei lavoratori, evitare possibili blocchi causati dal virus e garantire la ripresa definitiva di settori strategici per la Puglia come il settore turistico e quello del commercio».

venerdì 28 Maggio 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 12:21)

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Aldo
Aldo
1 anno fa

Che caricatura… Prima si dice che ci si può vaccinare nelle aziende, poi si dice in base alle disponibilità dei vaccini… Ma la logica di tutti questi provvedimenti mi spiegate dove sta? Oggi la gente si reca al centro vaccini e a coloro che erano in fila per la 2a dose viene detto che i protocolli sono cambiati e che i richiami sono posticipati… Ma siamo in un Paese industrializzato oppure viviamo in un villaggio del medioevo della profonda Africa? Ma perché in questo Paese si prende tutto alla leggera? Vaccinarsi è diventato ormai la nuova frontiera delle amicizie e del clientelismo, tipo quando si viene “sorteggiato” scrutatori di seggio… Chi conosce, perché ha urgenza visto che ha già prenotato le vacanze, va a bussare alla porta giusta…

Ss
Ss
1 anno fa

Una domanda.Ma siamo in democrazia?