Attualità

I medici di famiglia: «Pochi vaccini ricevuti e cattiva organizzazione, ci fermiamo qui»

La Redazione
I medici di base iscritti alle sigle sindacali Fp Cgil Medici, Simet, Sml, Snami e Ugs Medici protestano per le esigue dosi di vaccino ricevute e destinate a pazienti disabili, fragili e ultraottantenni
2 commenti 1777

I medici di base iscritti alle sigle sindacali Fp Cgil Medici, Simet, Sml, Snami e Ugs Medici protestano per le esigue dosi di vaccino ricevute e destinate a pazienti disabili, fragili e ultraottantenni e annunciano lo stop, da parte loro, a partecipare al piano vaccinale. 

«L'intersindacale medici denuncia pubblicamente l'impossibilità di continuare la campagna vaccinale vista la scarsa distribuzione dei vaccini – esordisce la lettera – e chiede ai Direttori Generali delle Asl pubbliche comunicazioni volte a far conoscere ai cittadini, finalmente, la verità e cioè che non vengono consegnati ai medici di medicina generali adeguati dosi di vaccini per adempiere a quanto previsto nell'accordo del 05-03-21 cioè vaccinare gli ultraottantenni a domicilio, i pazienti disabili e quelli fragili».

«Pur tra mille difficoltà e un vero e proprio ostruzionismo, – continua la nota dei sindacati – i medici di famiglia hanno vaccinato oltre 500 mila pazienti, i più impegnativi come è facile comprendere, a cui è stata assicurata, sino ad ora, la vaccinazione da parte del medico di famiglia. La carente distribuzione dei vaccini ai medici di medicina generale ha imposto tempi lunghi nel completare la vaccinazione di queste categorie, individuate come prioritarie, a tal punto da determinare uno stato di conflitto con deterioramento del rapporto di fiducia medico-paziente. Nonostante tutte le difficoltà organizzative e gli attacchi alla categoria da parte di aree potitiche e di amministratori delle Asl siamo riusciti a rispettare i compiti previsti dall'Accordo del s/3/2L».

«Riteniamo assolutamente vergognoso il pressapochismo sul piano organizzativo. Ancora non ci è dato sapere chi vaccini i caregiver e familiari dei disabili e con quale vaccino. ln più vorremmo ritornare a svolgere i nostri compiti di medici clinici sperando che a nessuno venga in mente di trasformarci in sportelli amministrativi per il rilascio dei green pass. Ci riserviamo tutte le azioni possibili a tutela della categoria medica che in questa campagna vaccinale è diventata capro espiatorio delle inefficienze altrui».

«Visto il persistere di tale vergognosa situazione nel garantire ai nostri assistiti il diritto ad essere sottoposti, ancora, alla 1° e 2° dose del vaccino anticovid verrebbe voglia di chiedere a tutti i medici di famiglia, in forma di protesta, di astenersi dal recarsi a ritirare l'elemosina delle poche dosi, eventualmente, messe a disposizione e del tutto insufficienti a coprire la richiesta di vaccinazione dei cittadini. Se non ci sono vaccini per completare la vaccinazione delle categorie maggiormente a rischio, 80enni a domicilio, disabili e fragili, lo si dica chiaramente e pubblicamente e si metta fine alla insulsa propaganda che tutto va bene. ln ogni caso la partecipazione dei medici di famiglia finisce qui; si conclude con l'assolvimento del compito di vaccinare gli assistiti delle categorie a rischio sopra descritte».

sabato 22 Maggio 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 12:24)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Aldo
Aldo
1 anno fa

Grazie all'Europa, al governo, ai vari commissari straordinari e chissà ordinari, consulenti, amministratori pubblici, etc etc… Però l'importante è dire ogni giorno il rosario con le frasi “500.000 dosi” e “tutto andrà bene”, qualche adesivo sulla giacca a mo' di Lego e veramente tutto andrà bene…

Aldo
Aldo
1 anno fa

L'importante è, come l'anno scorso, dire eresie invitando i turisti nella nostra regione e aggravando lo sproloquio aggiungendo che vaccineremo chi è in vacanza in Puglia… Vero gatto e la volpe?