La curiosità

Banchi a rotelle, a Corato che fine hanno fatto?

La Redazione
Ne sono arrivate solo poche decine. C'è chi ha deciso di utilizzarli nei laboratori e chi per le aule più numerose
8 commenti 2177

Che fine hanno fatto i tanto criticati banchi a rotelle voluti dalla ex ministra all'istruzione, Lucia Azzolina? Qualche giorno fa Repubblica rivelava che la metà di quelle che vengono definite "sedute innovative" non erano state ancora utilizzate. Il dato non è ufficiale, ma fa riferimento a indiscrezioni raccolte dal quotidiano e provenienti dal Ministero.

In tutto sono stati 434.344 i banchi a rotelle acquistati dal Governo. A Corato ne sono arrivate solo poche decine. La richiesta da parte delle scuole era facoltativa e, assieme ai banchi a rotelle, era possibile ricevere banchi e sedute normali. Scelta, quest'ultima, che invece quasi tutte le scuole hanno deciso di adottare, chi per ampliare il numero di banchi a disposizione, chi per sostituire i vecchi.

Il Battisti-Giovanni XXIII di banchi a rotelle ne ha ordinati 20. «Sono stati utilizzati all'interno dei laboratori» spiega la dirigente Pina Modeo. «Con i banchi canonici, invece, abbiamo rimodernato le aule di media e primaria». Altri banchi a rotelle sono arrivati a novembre alla Santarella-Cifarelli. La preside Maria Grazia Campione ha fatto sapere che sono stati collocati nelle aule più numerose in vista del rientro in classe di ieri.

Trenta, infine, quelli richiesti e ricevuti dall'Oriani-Tandoi. «Li abbiamo usati in un'aula dedicata, una sorta di auditorium nel quale abbiamo ricavato uno spazio per la classe più numerosa» commenta la dirigente Angela Adduci. «Potevamo scegliere e abbiamo preferito 200 banchi normali che sono serviti in entrambe le scuole».

martedì 27 Aprile 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 11:18)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
8 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Alex Supertramp
Alex Supertramp
1 anno fa

Solo il titolo basta. Aggiungerei:
Che fine ha fatto l’uomo.!

Maria
Maria
1 anno fa

La richiesta e l'utilizzo che di questi banchi si è fatto a Corato, sono la plastica dimostrazione che è stata montata una polemica del tutto inutile sulla ministra Azzolina. Il ministero ha dato delle disponibilità ma erano le scuole che dovevano fare adeguata richiesta conoscendo le proprie specificità ed esigenze.
In Italia siamo bravissimi a montare un caso sul nulla e a trascurare gli argomenti più importanti per tutti e per il nostro paese. Perché non si parla in modo appropriato di malaffare, corruzione, mafia…..?

Pier Luigi
Pier Luigi
1 anno fa

E' stata spalata una montagna di me**a sull'Azzolina per niente, visto che ogni istituto ha avuto la possibilità di richiedere banchi a seconda delle proprie esigenze.
Bravi, in tal caso, i soliti “Capitani” della politica ad aizzarle contro i propri polli.

Maria P.
Maria P.
1 anno fa

I banchi sono spariti insieme al loro vero ideatore e mediatore (con i cinesi produttori) ovvero il commissario Arcuri. Un affare tutto da chiarire. Aspettiamo Report.

dina di
dina di
1 anno fa

Solo gente come Azzolina ed Arcuri poteva partorire idee così balzane e sperperare soldi della collettività per banchi poco pratici e sostanzialmente rimasti inutilizzati. Per fortuna ci siamo liberati di entrambi ( ed Arcuri ha ricevuto anche un avviso di garanzia, caro Pier Luigi)

Rosanna Prisco
Rosanna Prisco
1 anno fa

Nulla …. invece di spendere i soldi per mettere in sicurezza le scuole si sono spesi per st banchi che stanno ad ammuffire

Ss
Ss
1 anno fa

Ma perche’le rotelle poi????????????????.

Pendolare  ESAURITO assai
Pendolare ESAURITO assai
1 anno fa

Un'altra fantastica idea della ministra Lucia Azzolina… ne ha “partorite” innumerevoli di idee folli e assurde (ed inutili totalmente, anzi dannose….!!!)… tipo il vincolo quinquennale per docenti, bloccare docenti abitati (che non è poco oramai di questi tempi in cui nella scuola lavorano quasi tutti…) in una scuola per OBBLIGO e non per scelta….lontani da casa centinaia e centinaia di Kilometri. Per 5 ANNI. Provare per credere. Meno male che se ne è andata !!! Per sempre, speriamo…