Attualità

Vaccinazioni medici di Medicina generale, la Asl: «​In arrivo in queste ore le nuove fiale»

La Redazione
In questi giorni anche a Corato, come in tutta la provincia, i medici di medicina generale hanno atteso a lungo prima di ricevere (poche) dosi di vaccino destinate ai pazienti più fragili
3 commenti 3711

In questi giorni anche a Corato, come in tutta la provincia, i medici di medicina generale hanno atteso a lungo prima di ricevere (poche) dosi di vaccino destinate ai pazienti più fragili.

Oggi la ASl fa sapere che «le forniture di vaccino ai medici di Medicina generale sono legate alle quantità ricevute ogni settimana da Roma. Quindi le dosi limitate a disposizione della Asl incidono inevitabilmente sulle consegne di vaccino da destinare ai medici di Medicina generale che stanno dando un contributo decisivo alla campagna vaccinale in tutta la provincia di Bari.

La quantità di somministrazioni eseguite dai medici di assistenza primaria dipende esclusivamente dalle dosi che vengono fornite a livello centrale e messe a loro disposizione dalla azienda sanitaria per far fronte alle richieste dei propri assistiti. Le prossime forniture – tra l’altro imminenti – saranno destinate alla medicina generale in modo tale da proseguire la attività vaccinale senza interruzioni.

Questa disponibilità limitata che determina una riprogrammazione delle consegne ha inciso anche sul ritardo oggi nelle somministrazioni nelle sedi del distretto unico di Bari dove medici e operatori Asl hanno lavorato insieme per recuperare e concludere le vaccinazioni programmate nella giornata».

domenica 18 Aprile 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 13:00)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Umberto Galassi
Umberto Galassi
1 anno fa

“Dosi di vaccino per i piu' fragili”. Elenchi nominativi forniti dai medici di famiglia in base alle patologie conosciute con una precedenza, giustificatissima, per quelli da vaccinare a domicilio perche' impossibility a muoversi. E la ASL come si comporta: manda poche dosi tanto che la maggior parte dei “fragili” si vaccinera' molto piu' tardi di quelli “a prova di rottura” (contrario di fragili). Non riesco a capire da cosa sono animati nelle decisioni organizzative che (scusate il termine) sono solo un “casino”. Il Prof. Loparco dice che i contagi sono avvenute nelle riunioni familiari di Pasqua e fra una settimana dira' che si sono create all'esterno del centro vaccinazioni di Corato: un vero assembramento. Speriamo bene. BUONA VITA che per l'occasione cambierei in BUONA VACCINAZIONE.

Umberto Galassi
Umberto Galassi
1 anno fa

Le persone con “elevata fragilita'” dovevano essere le prime ad essere vaccinate: trattasi di decisione ministeriale ma pare che l'organizzazione delle vaccinazione ha deciso altri menti. BRAVI.

Sissi
Sissi
1 anno fa

Concludere le vaccinazioni programmate in giornata????? Ma se mio padre, soggetto fragile codice 048 con regolare prenotazione x oggi alle ore 8.30, è ancora senza vaccino e chissà se riuscirà a farlo oggi visto che sono da vaccinare ancora gli altri non riusciti a vaccinarsi ieri…….per non parlare della gente in attesa seduta fianco fianco per ore…..si può dire organizzazione questa? Le cose fatte per bene dovrebbero avere un minimo di organizzazione per funzionare, quindi….ognuno tragga le proprie conclusioni!!!!