Attualità

Atti vandalici nelle città, gli psicologi pugliesi: «Rabbia accumulata in mesi di privazioni»

La Redazione
Il presidente dell'Ordine degli Psicologi, Vincenzo Gesualdo, commenta i tanti piccoli episodi di vandalismo verificati nei giorni scorsi in Puglia: «Non può protrarsi a lungo questo stato di incertezza»
9 commenti 823

Vetrine rotte, parchi pubblici vandalizzati, arredo urbano in fiamme: da giorni la cronaca pugliese registra episodi di vandalismo che preoccupano. Ma se da un lato gli amministratori cittadini e i politici pongono l’attenzione sulla questione sicurezza, dall’altro gli psicologi sottolineano quanto il disagio psichico e sociale percepito durante la pandemia sia un problema da non poter derubricare e sottovalutare.

«La rabbia di tanti è comprensibile, soprattutto degli adolescenti e di tutti quei giovani che stanno vivendo da un anno una seria deprivazione di rapporti, di contatti, un accumulo di emozioni negative» commenta Vincenzo Gesualdo, presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia.

«L’adolescente fa esperienza dell’incertezza per definizione nel suo percorso evolutivo ma se nota che le colonne sociali, le agenzie formative sulle quali la sua vita è poggiata, dalla famiglia alla scuola, sono anch’esse permeate dall’incertezza, perde ogni stabilità», ammonisce Gesualdo. «Bisogna garantire agli adolescenti spazi di ascolto. Abbiamo imparato che la rabbia può essere esternalizzata attraverso atti aggressivi e vandalici oppure tenuta dentro: vediamo i comportamenti autolesionistici ed i suicidi e tentati suicidi. La coartazione emotiva rappresenta una costante presenza nei vissuti dei nostri adolescenti».

Da Trani a Taranto, le auto vandalizzate, le vetrine dei negozi prese a pietrate, sono segnali di un disagio sociale che ha bisogno di un cambio di rotta, prosegue Gesualdo: «Non possiamo prevedere che cicatrici produrranno le restrizioni e le privazioni nei mesi a seguire ma questo continuo ondeggiare tra amici si-amici no, presenza-distanza sta generando disturbi legati anche al senso di sfiducia generale. Abbiamo capito quanto valore abbiano le agenzie di socializzazione per i ragazzi: famiglia, scuola, gruppo dei pari, ecc. L’esperienza attuale ci rende consapevoli della necessità di allargare gli spazi di ascolto ai ragazzi, alle famiglie, alla scuola, alla comunità. Da questo dobbiamo ripartire per costruire le nostre comunità post Covid».

mercoledì 31 Marzo 2021

(modifica il 23 Marzo 2022, 13:06)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
9 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Mimmo Roselli
Mimmo Roselli
1 anno fa

Questo Paese è in stato di impazzimento generalizzato, merito di un connubio esplosivo di un anno di terrorismo a reti unificate che ha causato danni irreversibili alle tante menti deboli… Finirà malissimo per tutti.

carlo mazzilli
carlo mazzilli
1 anno fa

ma di che c@770 di privazioni stiamo a parlare? che stanno tutti in giro, ognuno a fare quel c@770 che gli pare!. senza o con pochissimi controlli, così pochi che quando vengono effettuati fanno notizia … di che parliamo sigg. psicologi? mi sembra che in italia il vero sport nazionale sia il Giustificazionismo: trovare una giustificazione , un alibi anche ai comportamenti più criminali e insensati.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

So’pic le
Mazzat.Che noia questi giovani.Hanno tutto,e sono sempre depressi ,annoiati.O ma’se andavate a zappare la terra non era meglio!Volevo vedere se avevate il tempo di essere depressi.E poi questi psicologi…….

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Meno male che non ho figli.Metterli al mondo in questo scempio E’un atto di grande egoismo!

Marco
Marco
1 anno fa

Ma gli psicologi danno solo dare spiegazioni-giustificazioni (inutili ) ad atti di vandalismo? A che serve?

dina di
dina di
1 anno fa

Per evitare che questi poveri ragazzi soffrano tanto e che a causa di tale sofferenza commettano atti di vandalismo c'è un unico e sicuro rimedio: mandarli a zappare dalle 5 del mattino fino all'imbrunire.

Scettico
Scettico
1 anno fa

Dove ha vissuto e dove si è specializzato il “presidente dell'ordine”, per partorire tale idea e convinzione??? Prima di queste “privazioni” si era tutti angeli???…se è un POUR PARLER, allora dico pure la mia..”mancanza di educazione civica, mancanza di controlli e…mancanza di pene certe”… dall' alto della mia IGNORANZA, maturata nell'UNIVERSITA' del POPOLO, tra gente di tutti i ceti sociali…..scusate se frequentata solo per oltre 65 anni……

gl
gl
1 anno fa

l'anno scorso, in piena estate, hanno imbrattato tutta, e dico tutta, la parete di casa mia con un murales molto ricco e impegnativo (quindi deduco che abbiano impiegato più di 5 minuti). Con la scusa della noia facciamo passare tutto a questi vandali adolescenti. Smettiamo di trovare giustificazioni e iniziamo ad educare quella che sarà la generazione futura

Fiorenzo
Fiorenzo
1 anno fa

E quindi? C'è chi malgrado tutto non ha vandalizzata nulla e fa il suo dovere di cittadino, sempre e comunque anche se stanco della situazione