Politica

Elezioni, Corrado De Benedittis ufficializza la candidatura a sindaco

La Redazione
Ieri sera il docente ha formalizzato le proprie intenzioni durante l'incontro pubblico organizzato per la presentazione di Democrazia Solidale - Demos Corato
2 commenti 6723

È ufficiale la prima candidatura a sindaco nell’area di centrosinistra. Il nome è quello di Corrado De Benedittis che ieri sera ha formalizzato le proprie intenzioni durante l’incontro pubblico organizzato per la presentazione di Democrazia Solidale – Demos Corato.

In realtà il docente coratino aveva da tempo manifestato la volontà di presentarsi alle prossime amministrative. Ma l’annuncio ufficiale non era arrivato in virtù di un dialogo aperto con le altre forze di centrosinistra per la possibile costituzione di un’unica coalizione.

Una strada che pare non più percorribile, visto che dalla stessa area emergerà almeno un’altra candidatura: probabilmente quella di Vito Bovino (Nuova Umanità) e forse anche quella di Paolo Loizzo (Ape).

«Nel mese di ottobre siamo partiti da una decisione molto forte: abbandonare la politica dell’insulto, dell’aggressione personale, della delegittimazione per vedere se, mettendo insieme le idee, le persone e le forze, si riuscisse ad aprire una stagione nuova: “Rimettiamo in moto la città”» ha affermato De Benedittis.

«Abbiamo deciso, allora, di prendere il largo. Con un po’ di coraggio, dobbiamo andare oltre il sistema politico presente, nonostante tutti ci dicano che le elezioni si vincono facendo la somma dei numeri e delle liste. Noi ci abbiamo pensato, ci abbiamo pensato davvero tanto. Abbiamo tante amiche e tanti amici che sono nelle altre forze politiche, quindi questo non vuole essere un discorso personale, ma un discorso di analisi e di riflessione. E siamo giunti alla conclusione opposta: ci siamo resi conto che invece oggi la politica vince se accetta la sfida di avere coraggio, mandar per aria i conti e i numeri per fare invece una proposta seria, forte, che possa tornare ad appassionare le persone.

Costruiremo una coalizione di persone che poi possano dare vita a delle liste: “Democrazia solidale”, “Rimettiamo in moto la città” e magari un’altra lista. Poche liste, lo sappiamo, ma che abbiano la serietà, nei confronti della città, di fare una proposta politica che non garantisca solo la vittoria, ma una durabilità per i prossimi cinque anni.

È stata una decisione difficile, c’è stato chi ci ha proposto una mega coalizione e una vittoria a tavolino, ma abbiamo risposto: “no grazie”. Il potere lo abbiamo sempre subìto e non diventeremo mai persone di potere, continueremo sempre a fare la critica del potere e dei potenti».

De Benedittis è poi passato ai punti programmatici, a cominciare da «una riorganizzazione dei servizi sociali del nostro Comune che siano in grado di restituire dignità a cittadini e cittadine e che siano un punto di riferimento per chi è in difficoltà; un’attenzione su salute e ambiente che affrontino le grandi criticità del nostro paese: l’elettrodotto della 167, le antenne di Monte Ripanno, le vecchie discariche dismesse che necessitano di interventi di bonifica per problemi di esalazione e contaminazione per i quartieri limitrofi, senza creare allarmismi, ma con la consapevolezza che sono problemi antichi che vanno risolti; una riqualificazione urbanistica che parta da un ripensamento del piano del traffico e uno sviluppo dell’attività edilizia, un settore drammaticamente fermo e bloccato con conseguenze drammatiche per le famiglie: una politica dalle mani libere, e le mani libere le hai se ti presenti alle elezioni senza compromessi e noi compromessi non ne faremo mai.

Una politica fatta di persone competenti e per questo la nomina degli assessori non sarà mai di carattere politico e spartitorio. Gli assessori sono lo staff del sindaco e devono essere persone di fiducia e persone competenti del settore, a prescindere dalle appartenenze politiche. La città è ricca di persone dalle grandi competenze che qui non hanno possibilità di mettere al servizio le proprie conoscenze perché non stanno dentro gli ingranaggi della politica. Con la consapevolezza che i soldi servono, ma senza idee producono danni alla città».

A condividere il progetto politico anche Paolo Ciani, coordinatore nazionale di Demos, e Christian Roma, coordinatore regionale, i quali, analizzando l’attuale proposta politica, hanno denunciato «una situazione triste a cui rispondere con l’impegno politico, perché, in un’epoca in cui i politici si sentono al di sopra delle leggi, noi crediamo che ci sia bisogno di una nuova proposta politica».

venerdì 22 Febbraio 2019

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
angela mennuti
angela mennuti
3 anni fa

forza prof. de benedittis dai una svolta alla nostra citta'.finalmente un giovane aperto al dialogo, una persona alla mano.

salvatore di gennaro
salvatore di gennaro
3 anni fa

La diversificazione degli schieramenti in “destra” e “sinistra” non ha più ragione di esistere: alla luce delle istanze, delle impellenze, delle necessità, delle urgenze, delle criticità, delle emergenze (parola a noi italiani tanto cara) attuali, chiunque abbia la responsabilità di gestire un ente locale sa che tali incombenze devono essere affrontate nel migliore dei modi. Quindi qual è la differenza sottaciuta? La “sinistra” vorrebbe ancora apparire come l'egida per i più deboli e bisognosi, senza alcuna distinzione; la “destra”, come sostenitrice dell'ordine e del “senso dello Stato”. Chiaramente il politico valido è colui che riesce a ben miscelare tali elementi eterogenei, non allontanandosi però dalla realtà. Ma i programmi elettorali, spesso o sempre, sono pieni di chimere.