Cronaca

Zingara adesca bimbi? L’intervista al papà della piccola. Le forze dell’ordine: «Nessun riscontro»

La Redazione
Nella serata di ieri una nota audio ha fatto il giro della città in pochi minuti: «Fate attenzione ai vostri figli». Dagli accertamenti effettuati non sono però emersi riscontri concreti, ma solo supposizioni
4 commenti 5388

Un’altra bufala come quella del furgone bianco che rapiva i bambini? Oppure un pericolo reale? Al momento c’è solo un episodio sul quale sono state fatte delle supposizioni. Paure che si sono trasformate in sospetti.

Nella serata di ieri una nota audio e un post su facebook hanno fatto il giro della città in pochi minuti: «Fate attenzione ai vostri figli, c’è una zingara nella villa comunale che ha tentato di dare del sonnifero a mia nipote» era il senso del messaggio.

La trascrizione del contenuto della nota audio
«Visto che in questo periodo i bambini stanno più spesso nei luoghi più affollati. Ieri hanno provato ad addormentare mia nipote. C’era una zingara con due bambini che giocavano e tendevano ad allontanare la bambina dal gruppo. Mio cognato (il papà della bambina, ndr) stava chiacchierando pur avendola sott’occhio. Ad un certo punto non la vide più. Si avvicinò e la vide accovacciata vicino alle giostrine dei disabili.

La donna le stava dando del liquido rosa, da una bottiglia che sembrava di un succo di frutta. Glielo aveva versato in un bicchiere. Mio cognato ha denunciato la cosa, a quanto pare è sonnifero. La donna è schedata ma se non succede la cosa, non si può fare niente. Fate attenzione perché ce ne sono tante e lo sanno fanno fare bene il loro mestiere. Ho preferito raccontarvi questa cosa perché è scioccante».

Fin qui la nota audio. Già nella serata di ieri, dopo le prime verifiche effettuate tramite le forze dell’ordine – polizia di Stato, carabinieri e polizia locale – sono però rapidamente emerse smentite sulla interpretazione dell’accaduto.

Questa mattina a raccontare meglio i dettagli della vicenda è stato direttamente il papà della bambina coinvolta, rintracciato dalla nostra redazione.

L’intervista al papà della bambina
«Domenica pomeriggio sono andato al parco comunale con mia figlia» ha detto. «Ad un certo punto, seguendola con lo sguardo, mi sono accorto che si era seduta accanto a due bambini e alla loro mamma. Quest’ultima mi è sembrata essere una zingara. Avevano offerto a mia figlia un lecca lecca e un bicchiere con del succo di frutta rosa. Il colore mi ha insospettito perché non ne avevo mai visto uno simile: secondo me poteva trattarsi di sonnifero. La donna mi ha detto che lo stava dando a mia figlia perché “aveva sete”.

Allora ho preso la bambina e sono andato via. Ho detto a mia moglie di avvisare le altre mamme perché credo sia necessario fare attenzione. Ho saputo che c’è gente che utilizza queste tecniche per rapire i bambini per questo mi sono preoccupato. Mi è parso strano vedere una donna che dall’aspetto sembra vivere di elemosina, con i figli scalzi, preoccuparsi di offrire qualcosa a mia figlia. Fuori dalla villa, vicino all’ingresso secondario, ho visto anche un furgone bianco con due uomini che non mi diedero una buona impressione. Non ho sporto denuncia sull’accaduto – ha precisato – ma sono andato dalla polizia e ho raccontato tutto».

Il riscontro delle forze dell’ordine
Sul fatto che si sia effettivamente verificato l’incontro tra la bimba, suo padre e la donna con i suoi bambini, non ci sono dubbi. In merito all’ipotesi di presunto adescamento – tantomeno con del sonnifero – dagli accertamenti effettuati non sono invece emersi riscontri concreti ma solo supposizioni. Motivo per cui risulta fondamentale evitare allarmismi. Sebbene non ci sia stata una denuncia ufficiale, in via informale le forze dell’ordine hanno anche verificato l’identità della donna e della sua famiglia: secondo quanto è trapelato, si tratta di persone censite e senza nessun precedente, regolarmente residenti sul territorio cittadino.

martedì 3 Luglio 2018

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Giò Gatto
Giò Gatto
4 anni fa

L'unica cosa “buona” di questa becera intolleranza è che ci annienterà. L'umanità non è per questo Mondo.

Vergogniamoci
Vergogniamoci
4 anni fa

Accuse e pensieri che puzzano di calunnie da condannare . Non praticando il saper vivere o per ostracismo si gettare fango su du una madre che si mostra gentile .… pensiamo essere superiori o migliori degli altri ?

disco disco
disco disco
4 anni fa

Ecco qui tutti commenti fatte da persone che poi se succede qualcosa sono le prime a dare colpa alla riposta dello Stato o delle Forze dell'Ordine “fin quando non succede non possiamo muoverci”. Speriamo allora che se dovesse succedere qualcosa, possa essere a qualcuno di voi. A me hanno insegnato che se ho un bimbo vicino e magari vedo i genitori, prima di offrirgli qualcosa, è opportuno chiedere ai genitori … magari poi si va in pizzeria e si sfoggiano tutte le allergie di questo mondo, e guai a chi tocca i figli!! Ma dai, fatemi il piacere, vergognatevi voi, finti moralisti!!

antonio montrone
antonio montrone
4 anni fa

Prima di fare accuse specifiche a cittadini residenti e incensurati, quali quelli che le forze dell'ordine hanno identificato, bisogna stare molto attenti, perché si rischia di diffondere paura, odio e allarmismi inutili scambiando comuni soggetti per zingari, senza considerare che il papà della bambina potrebbe anche divenire destinatario di una denuncia per calunnia e di procurato allarme