La sentenza

Schettino condannato, cala il sipario sulla vicenda giudiziaria della Costa Concordia

La Redazione
La nave Costa Concordia adagiata su un fianco
​Il lutto colpì anche la nostra città. Tra le vittime figurò anche Maria D'Introno, la giovane coratina residente in provincia di Biella che si trovava a bordo della nave insieme alla famiglia​
scrivi un commento 1643

Cala il sipario sulla vicenda giudiziaria della Costa Concordia.

La Corte di Cassazione ha condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione Francesco Schettino, il comandante che nella serata del 13 gennaio 2012 tentò un “inchino” di fronte all’isola del Giglio (Grosseto), portando però la nave contro gli scogli. Schettino, unico imputato di quella tragedia, è già in carcere a Rebibbia.

Nel disastro persero la vita 32 persone. E il lutto che colpì anche la nostra città.

A bordo della nave c’era infatti anche Maria D’Introno, la giovane coratina residente in provincia di Biella che si trovava in crociera insieme a suo marito e a due cognati per festeggiare i cinquant’anni di matrimonio dei suoceri.

I suoi familiari si salvarono. Lei, purtroppo, no: il suo corpo fu ritrovato dopo dieci giorni di estenuante attesa. Giorni in cui la città seguì la vicenda con angoscia e preoccupazione, prima di stringersi attorno alla famiglia quando la speranza svanì.

Riuscì a salvarsi anche una settima coratina, presente sulla nave in qualità di dipendente di uno dei centri estetici della “Concordia”.

Il giorno delle esequie, i coratini salutarono Maria con fiori e applausi.

sabato 13 Maggio 2017

(modifica il 23 Luglio 2022, 10:26)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti